Bossetti, compleanno in carcere con la sorella gemella: "Dimostreremo l'innocenza" - BergamoNews
L'intervista

Bossetti, compleanno in carcere con la sorella gemella: “Dimostreremo l’innocenza”

Il carpentiere di Mapello riceverà la visita dei familiari. La moglie Marita Comi con i tre figli Nicolas di 16 anni, Alice di 13 e Aurora di 11

Compleanno in carcere per Massimo Giuseppe Bossetti. Il carpentiere di Mapello compie oggi 47 anni. Da tre e mezzo, dal 16 giugno 2014 per la precisione, è rinchiuso nel penitenziario di via Gleno a Bergamo per il brutale delitto di Yara Gambirasio. Lo scorso 17 luglio la Corte d’Assise di Brescia ha confermato la condanna all’ergastolo (LEGGI QUI).

Bossetti riceverà la visita dei familiari. La moglie Marita Comi con i tre figli Nicolas di 16 anni, Alice di 13 e Aurora di 11. La mamma Ester e la sorella gemella Laura Letizia: “Non sarà certo un bel compleanno, ma lui non può rimanere solo – ha raccontato la donna a Iceberg su TeleLombardia – . Massimo ti voglio bene, sai che lotteremo fino alla fine. Non ti preoccupare non sei solo, lotta, lotta, lotteremo insieme. Come sei entrato uscirai anche da quel cancello a testa alta, con la tua dignità. Troveremo i veri colpevoli”.

Il Massimo che conoscete è quello descritto nelle motivazioni, con interesse per le adolescenti, senza freni inibitori?

“No assolutamente non è lui. Io ci sono cresciuta. È sempre stato pronto ad aiutare il prossimo, sempre. Si è sempre comportato correttamente, mai squilibri, mai niente. Se avesse fatto una cosa del genere l’avrebbe detto subito Massimo ma non è lui. Perché lo si vede solo guardandolo in faccia, Massimo è molto sincero e corretto”.

E quel famoso Dna che secondo i giudici lo inchioda?

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it