Quantcast
Treviglio interculturale: gli studenti raccontano il loro anno all’estero - BergamoNews
L'incontro

Treviglio interculturale: gli studenti raccontano il loro anno all’estero

Mercoledì 25 ottobre presso l’Istituto Comprensivo Tommaso Grossi gli studenti rientrati dall'estero e i volontari dell'Associazione racconteranno le loro esperienze e forniranno le informazioni per partire

Negli ultimi anni gli scambi internazionali di studenti sono diventati una pratica diffusa: nel 2016 sono stati stimati 7.400 studenti all’estero per almeno per 3 mesi, con un incremento del +111% dal 2009. I motivi? Diventare cittadini del mondo, costruire un pacchetto di conoscenze e competenze da spendere in un mercato del lavoro sempre più globalizzato, innalzare le proprie soft skill di tipo relazionale, comunicativo e organizzativo. Sono queste le esigenze sempre più pressanti degli studenti di oggi, a cui Intercultura offre una risposta concreta, attraverso i suoi programmi scolastici all’estero in 65 Paesi di tutto il mondo.

Anche a Treviglio studenti, genitori e scuole sono sempre più interessati alle opportunità di esperienze internazionali. Nell’anno scolastico 2017-18 sono partiti dal solo Centro locale di Treviglio ben 21 adolescenti alla volta di Finlandia, Sudafrica, Australia, Danimarca, Irlanda. Cina, Argentina, Brasile, Rep.Dominicana, Germania, Francia, Honduras, USA.
Per tutti gli studenti di Treviglio e le loro famiglie interessati a vivere questa stessa esperienza, i volontari hanno organizzato un incontro aperto alla cittadinanza per le ore 20.45 di mercoledì 25 ottobre presso l’istituto Comprensivo Tommaso Grossi di via Colleoni, 2 dove potranno fornire tutte le informazioni utili per iscriversi: le destinazioni, le borse di studio, l’ospitalità in famiglia, la scuola all’estero e il coordinamento con i docenti in Italia. Come sempre, saranno protagonisti anche alcuni ragazzi appena rientrati dal loro periodo di studio all’estero per spiegare, attraverso il proprio racconto fatto in prima persona, che cosa significhi trascorrere una parte così importante della propria vita a contatto con un’altra cultura, tra sfide, difficoltà, benefici e bellissimi ricordi di momenti speciali vissuti con i nuovi amici provenienti da tutto il mondo.

Si tratta di studenti che sono appena rientrati da un anno scolastico da diverse parti del mondo: Margherita Radaelli e Alessandro Ferrario dagli USA; Marilù Musso dal Portogallo, Matilda Rotta dalla Malesia, Anita Cornetti dall’Honduras. Così ad esempio, Matilda: “Vi do un consiglio. Se state pensando di trascorrere un anno all’estero in una scuola in Malesia e siete europei, dovrete prepararvi ad un’accoglienza più che entusiasta. Agli studenti malesi non capita molto spesso di entrare in contatto con persone provenienti da oltreoceano, né tantomeno con persone provenienti da oltreoceano della loro stessa età. Conoscerete un sacco di persone diverse, che vi aiuteranno un sacco ad immergervi nell’ambiente e in sostanza vi daranno una grossa mano. Faranno tutto il possibile per aiutarvi con la lingua e risponderanno pazientemente a qualsiasi vostra domanda”.
Il percorso di formazione, offerto dai volontari dell’Associazione Intercultura, segue passo passo i ragazzi e consente loro di vivere una straordinaria esperienza di crescita i cui benefici umani e professionali durano per tutta la vita, come possono testimoniare le storie di successo di vip come quelle degli astronauti Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti e di imprenditori e manager come Diego Piacentini, Luca Barilla, Franco Bernabé, Marco Balich.

IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE BERGAMINI

Nel corso della serata sarà presente anche il Dott.Lorenzo Bergamini della Fondazione che reca il suo nome e che da anni sostiene Intercultura, tramite l’erogazione di borse di studio che hanno permesso a numerosi studenti della zona di Treviglio di poter vivere l’esperienza all’estero, e con contributi fondamentali per l’attività di Intercultura, come il recentissimo sostegno economico dato in occasione del Convegno Internazionale tenutosi in Ghana a cui hanno partecipato i vertici del network AFS di cui Intercultura è la diramazione italiana.
I volontari di Treviglio consegneranno ufficialmente al Dott.Bergamini le copie del libro, pubblicato grazie al contributo economico della Fondazione, dedicato ai primi 10 anni di vita del Centro locale, con dati, testimonianze, immagini e un capitolo scritto dalla Dott.ssa Elisa Bergamini dedicato al lungo rapporto con Intercultura e gli studenti a cui è stato permesso di avere una marcia di più nella vita.

IL CONCORSO DI INTERCULTURA IN TRE PUNTI

I TEMPI DEL CONCORSO: accedendo al sito www.intercultura.it, è possibile iscriversi fino al 10 novembre 2017 al nuovo bando di concorso 2018-19 per trascorrere un intero anno scolastico, un semestre, un trimestre, un bimestre o 4 settimane estive in uno dei 65 Paesi di tutto il mondo dove la Onlus promuove i suoi programmi. Più di 2.100 i posti disponibili e 1.500 le borse di studio, tra quelle sponsorizzate e quelle messe a disposizione da Intercultura. Il bando è rivolto a tutti gli studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2000 e il 31 agosto 2003.

LE BORSE DI STUDIO A DISPOSIZIONE: le 1.500 borse di studio parziali o totali, di cui circa la metà provengono dall’apposito fondo di Intercultura, consentono la partecipazione ai programmi da parte degli studenti più meritevoli e bisognosi di sostegno economico (si va dalle borse totali che coprono il 100% della quota di partecipazione, a quelle parziali che coprono una percentuale variabile tra il 20% e l’80% della stessa). Le altre centinaia, tra borse di studio totali e contributi sponsorizzati, sono messe a disposizione grazie alla collaborazione tra la Fondazione Intercultura e diverse aziende, banche, fondazioni ed enti locali. L’elenco viene continuamente aggiornato sul sito alla pagina http://www.intercultura.it/borse-di-studio-offerte-da-sponsor).

Il RICONOSCIMENTO DEL PERIODO TRASCORSO ALL’ESTERO E L’ALTERNANZA SCUOLA E LAVORO: per gli studenti che frequentano all’estero l’intero anno scolastico, la normativa scolastica italiana riconosce la possibilità di accedere alla classe successiva senza ripetere l’anno. Il Ministero dell’Istruzione ha chiarito (nota 843/2013) che le esperienze di studio all’estero sono “parte integrante dei percorsi di formazione e di istruzione” e che sono “valide per la riammissione nell’istituto di provenienza”. (www.intercultura.it/normativa). Inoltre, le esperienze di studio all’estero sono equiparate ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro: per riconoscerle contano le competenze acquisite e il parere del Consiglio di Classe. Il 28 marzo 2017 il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha pubblicato la Nota MIUR prot. 3355 ​​con alcuni importanti chiarimenti sull’Alternanza Scuola Lavoro. In particolare, al punto 7 il MIUR si esprime sull’Alternanza Scuola Lavoro per “gli studenti che partecipano a esperienze di studio o formazione all’estero”. (http://www.intercultura.it/studenti/faq).

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI