BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dea, il Bologna è in forma: per i tre punti servirà una prestazione stile “Europa”

La squadra di Donadoni sembra aver trovato la quadratura del cerchio dopo un paio di campionati altalenanti. I nerazzurri, indietro 5 punti, sono chiamati ad un altra gara di spessore dopo quella di Reggio contro l'Apollon

Un’Atalanta gasata dalla nuova grande impresa in Europa League di giovedì sera si rituffa nel campionato affrontando all’Atleti Azzurri il Bologna. Dedicando due parole alla gara del Mapei, la Dea ha giocato una partita nuovamente tosta, a tratti sontuosa, fatta di bei fraseggi, incursioni sulle fasce (molto bene Spinazzola), pressing, sostanza e inventiva (con Ilicic grande ispiratore). Sono emerse solo un paio di pecche, che ormai conosciamo: innanzitutto la squadra finalizza troppo poco in rapporto a quello che costruisce. Vero, 3 gol realizzati sono tanta roba, ma sono state almeno il triplo le palle gol create e non concretizzate, forse per eccessiva leziosità. Il problema è che finché ne costruisci 10, prima o poi segni, ma quando capiterà di crearne solo un paio, se non si sarà in grado di metterla dentro… la partita non finirà certamente come contro l’Apollon. E poi si è evidenziata, in alcune occasioni, una certa disattenzione difensiva. L’azione del gol cipriota ne è la prova lampante, così come era successo anche per il gol di Zapata, solo in mezzo a quattro difensori, domenica a Genova.

La squadra di Donadoni è una delle più in forma del campionato ed ha ben 5 punti in più della Dea. Il mister di Cisano Bergamasco sembra aver trovato la quadratura del cerchio dopo un paio di campionati altalenanti, e questo non solo grazie all’apporto di alcuni giovani di sicuro avvenire come Verdi e Di Francesco, ma anche per il rendimento di una vecchia guardia formata da uomini come Poli e soprattutto Palacio. L’attaccante argentino, vecchio pupillo del Gasp, ha praticamente soffiato il posto a Destro e ora gioca in pianta stabile. Forse era il caso di portarlo a Bergamo questa estate?

Atalanta-Apollon Limassol

Contro una formazione così in forma, i giocatori nerazzurri dovranno disputare ancora una grande gara per portare a casa l’intero bottino. Anche perché creano qualche apprensione le condizioni fisiche del Papu, che dopo aver rimediato una botta a Genova ed aver stretto i denti a Reggio Emilia, potrebbe davvero doversi fermare per mettersi definitivamente a posto (ricordo che mercoledì si giocherà nuovamente, turno infrasettimanale con il Verona). Ecco quindi che vedere sin dall’inizio Kurtic (e forse anche Cornelius al posto di Petagna) non sembra un’ipotesi tanto peregrina. Anche Toloi, ormai ristabilitosi dopo l’infortunio, potrebbe partire nell’undici titolare al posto di Palomino.

Per nostra fortuna, però, anche il Bologna dovrà rinunciare ad un paio di giocatori importanti quali Mbaye e Taider. Nonostante il buon momento dei felsinei, gli uomini di Gasperini restano i favoriti per la vittoria, anche perché saranno come sempre trascinati dal pubblico nerazzurro. Bergamo come Reggio, anzi meglio: speriamo che il risultato sia il medesimo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.