BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Champions League di volley per atleti sordi si giocherà a Bergamo

Sui quattro parquet che ospiteranno le finali ci saranno anche due bergamaschi: Ilaria Galbusera di Sorisole e Mirko Bolis di Zanica

Venti squadre destinate a fare molto rumore, coniugando la sana competizione all’insegna del divertimento con l’impegno per il sociale. A due anni dall’Eurocup di pallacanestro, Bergamo si appresta ad ospitare un’altra manifestazione sportiva riservata ad atleti non udenti. Iconicamente rappresentata nella locandina e nel logo dalla giraffa, l’animale con molto orecchio per eccellenza.

Da giovedì 23 a sabato 25 novembre andrà in scena la quarta edizione della Deaf Volley Champions League, che avrà come vedette due rappresentanti della pallavolo di casa nostra, non solo silenziosa: si tratta di Ilaria Galbusera, di Sorisole, e Mirko Bolis, di Zanica, reduci dalle Deaflympics di Samsun in Turchia nelle quali hanno ottenuto rispettivamente il secondo e il sesto posto con la maglia della Nazionale italiana.

I due tesserati di Excelsior e Capriate San Gervasio, abili e arruolati per l’occasione con la Lodovico Pavoni di Brescia e il Gruppo Sportivo Sordi di Ancona, sono i capifila di una competizione di respiro internazionale organizzata dalla Federazione Sport Sordi Italia, da Esatour, dall’Unione Sportiva Sordi Bergamo e dall’Accademia Allenatori sotto l’alto patrocinio del Coni, del Comitato Italiano Paralimpico, della Federazione Italiana Pallavolo, di Regione Lombardia e del Comune di Bergamo. L’Istituzione cittadina, attraverso la partecipata Bergamo Infrastrutture, garantisce l’utilizzo di quattro impianti: il PalaNorda, l’Italcementi, la Palestra “Lorenzo Lotto” di via Furietti alla Malpensata e la Palestra della Celadina in via Flores.

Volley sordi

Queste le contendenti (12 femminili e 8 maschili) al via, in attesa del sorteggio dei gironi e del calendario nel dettaglio. Per le ragazze ci sono le francesi dello Stade Parisien Sourd e dell’ALSL Torcy, quindi le polacche del MKSN Mazowsze Warszawa, le russe di Novosibirsk, Kaluga (campionesse uscenti a Bruges 2016) e Sankt Peterburg, le italiane del Pavoni Brescia e di Ancona, le ucraine del Kyiv, le ceche dell’Olympia Praha, le olandesi del DSV Dorswedo e le greche dell’Athens Athletik Association of the Deaf. Per i maschi i campioni uscenti del KHMAO-Ugra Surgut coi connazionali del Novosibirsk, i francesi di Parisien Sourd e Poitiers, il MKSN Mazowsze Warszawa, Kyiv, Olympia Praha e Ancona.

L’albo d’oro DVCL
Pesaro 2014: Kyiv, Novosibirsk, Zyhtomir (uomini); Kyiv, ASS GSS Ancona, Kaluga (donne).
Bruges 2015: Kyiv, Surgut e Essen (uomini); Kyiv, GBU Mosca, Mosca (donne).
Rimini 2016: Surgut, Kyiv, Latina (uomini); Kaluga, Kyiv, Lodovico Pavoni Brescia (donne).

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.