Quantcast
Grillo bestemmia. E tutti tacciono, cattolici compresi - BergamoNews
L'intervento

Grillo bestemmia. E tutti tacciono, cattolici compresi

Sul suo sito ha scritto una truce bestemmia: non gli è scappata a voce – come può succedere ai maleducati – ma l’ha pensata, voluta e scritta.

Sul suo sito ha scritto una truce bestemmia: non gli è scappata a voce – come può succedere ai maleducati – ma l’ha pensata, voluta e scritta. È rimasta sul sito per ore – e le agenzie di stampa l’hanno pedissequamente rilanciata – prima che qualcuno se ne accorgesse e la eliminasse.

A suo tempo, in visita al convento di Assisi, aveva sparato “Siamo noi i veri francescani“. Sulle magliette che aveva distribuito era raffigurato lui vestito con il saio francescano contornato da lupi ammansiti. Contro la farneticante intervista ad “Avvenire” e contro i deliranti contenuti protestò solo “Famiglia cristiana”. Nel novembre 2016 un’altra castroneria: intimò al Vaticano (“Parleremo con Bergoglio perché credo che non lo sappia”) di pagare al Comune di Roma e alla sua protetta Virginia Raggi l’affitto per i Musei Vaticani. Balla colossale perché – come dice la parola “Musei Vaticani” e come tutti sanno – non sono proprietà del Comune di Roma e non sono neppure su suolo italiano ma fanno parte della Città del Vaticano.
Una blasfema sceneggiata a Torino fu la messa e la distribuzione ai suoi tifosi di grilli caramellati. E ora la bestemmia.

Merita ricordare che un secolo fa, il 24 aprile 1917, il cardinale arcivescovo di Torino Agostino Richelmy nominò il ve­scovo ausiliare e parroco di San Secondo monsignor Giovanni Battista Pinardi – che potrebbe essere dichiarato venerabile entro quest’anno – presidente dell’appena fondato Segretariato della buona stampa. Pinardi intese la “buona stampa” a tutto tondo e nacquero la Libreria cattolica, i bollettini parrocchiali, l’Associazione biblioteche circolanti (Abc), le fiere del libro e la Crociata antiblasfema. Una crociata che era il vanto del bollettino “Unioni operaie cattoliche”, fondato da San Leonardo Murialdo e pubblicato dal 15 marzo 1876, poi “La Voce dell’Operaio”, “La Voce del Popolo” e ora “la Voce e il Tempo”.

Il 18 dicembre 1994 don Franco Peradotto, direttore de “La voce”, pubblicò la vibrata protesta: “Uno schiaffo all’Immacolata”. Riferendo “il tono amaro, accorato, sofferente” del cardinale
arcivescovo Giovanni Saldarini su una provocatoria pubblicità della Benetton pubblicata da “La Stampa”, scrisse: “Dopo la presentazione di oggetti a sfondo trivialmente sessuale, è raffigurata l’immagine di Maria accostata a una volgarissima didascalia su “interventi ricostruttivi della verginità””.
E ora che cosa intendono fare oggi i cattolici?

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI