BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rumore e sporcizia in piazza Arnaldo: i bresciani vogliono il “modello Gori”

Nella missiva per il Comune residenti e commercianti chiederanno al sindaco Del Bono di adottare ordinanze severe e di seguire l’esempio del suo collega di Bergamo

Una lettera al sindaco Emilio Del Bono per chiedere di prendere esempio da Bergamo e dalle direttive adottate da Giorgio Gori. Il consiglio di quartiere Brescia Antica ha preparato una lettera per ottenere una regolamentazione della movida in piazza Arnaldo, noto luogo di ritrovo della città della Leonessa.

Musica a tutto volume e urla fino a tarda notte, bottiglie di birra sui marciapiedi, muri usati come toilette e auto parcheggiate senza criterio. Una serie di inadempienze che negli ultimi tempi hanno mandato su tutte le furie gli abitanti del quartiere.

Nella missiva che sarà spedita in Comune nei prossimi giorni residenti e commercianti chiederanno a Del Bono di adottare ordinanze severe e di seguire l’esempio del suo collega Giorgio Gori, primo cittadino della vicina Bergamo. Alla lettera sarà allegato un documento con i provvedimenti adottati dal sindaco orobico.

L’idea dell’amministrazione bresciana è di chiudere piazza Arnaldo alle auto e pedonalizzarla entro l’anno prossimo, cancellando anche le strisce blu di vicolo dell’Ortaglia per lasciarla libera. Gli inquilini del centro storico non sono contrari, ma vogliono comunque tutelare il loro diritto al parcheggio: pare chiederanno di riservare ai residenti qualche posto auto in via Callegari e via Calini, colorandoli di giallo.

Nel frattempo il Tribunale di Brescia ha dato ragione a una coppia di residenti e, per la prima volta, ha condannato il Comune a risarcirli con circa 37.800 euro per danno biologico e patrimoniale per rumore antropico provocato dalla movida nella zona del Carmine, quartiere un tempo malfamato, teatro di spaccio e prostituzione, che è stato riqualificato.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.