Legambiente: "Christo portaci via l'amianto dall'ex Caproni" - BergamoNews
Sebino

Legambiente: “Christo portaci via l’amianto dall’ex Caproni”

I volontari del Cigno verde hanno puntato il dito sullo stato di abbandono dello splendido promontorio di Montecolino.

L’arrivo di Christo sul lago d’Iseo, per aprire ufficialmente le vendite del suo catalogo dedicato a The Floating Piers, ha spinto Legambiente a ricordare agli amministratori che non basta attirare visitatori sul territorio, ma che il territorio va tutelato e valorizzato.

I volontari del Cigno verde hanno puntato il dito sullo stato di abbandono dello splendido promontorio di Montecolino.

L’ex retificio ed ex fabbrica di armi Caproni, con 18.300 mq di capannoni fatiscenti su un’area di 43mila mq, un anno fa è stata la base logistica per la preparazione dell’evento. Per alcuni capannoni utilizzati è stata necessaria una parziale bonifica dall’amianto presente sia sui tetti che a terra. Adesso non ci sono più alibi, la bonifica va fatta completamente, va recuperato e reso fruibile quello che è forse il più bel parco naturale del Sebino. L’area dismessa dal 1989 è gestita dalla Fondazione Bettoni ed il suo recupero è la volontà espressa dai vecchi proprietari.

È purtroppo lunga la lista, sottolinea Legambiente, degli opifici, da troppo tempo abbandonati ,che dovrebbero essere recuperati: l’ex retificio Ziliani a Sulzano, l’ex retificio Cittadini e l’ex feltrificio Maglia a Marone e la Niggeler & Kupfer a Pilzone.

amianto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it