Micotossine nella farina per polenta, l'esperto: "Problema enorme, manca legislazione" - BergamoNews
Video-intervista

Micotossine nella farina per polenta, l’esperto: “Problema enorme, manca legislazione”

In seguito alla notizia, sono fioccati i commenti e le richieste di chiarimenti. Ecco l'intervento del dottor Massimo Valverde, specialista in materia

Micotossine oltre i limiti di legge. È questa la motivazione che ha spinto al ritiro dal mercato della farina di mais gialla bramata venduta con il marchio “AZ. AGR. BUONO E BIO” (leggi qui). Il provvedimento è stato disposto dal Ministero della Salute e riguarda il lotto L 17081 con scadenza 22-03-2018 delle confezioni da un kg prodotto dal molino “Mulino Zapparoli Srl” con sede in provincia di Mantova.

In seguito alla notizia, siete stati in molti a commentare e soprattutto a chiedere chiarimenti in merito. Del resto, non è nemmeno la prima volta che si provvede al ritiro di prodotti contaminati da micotossine.

Già, ma di che cosa si tratta di preciso? Come agiscono queste micotossine? Quali sono i rischi per la salute dell’uomo? Cosa si sta facendo a livello normativo e scientifico per monitorare e possibilmente arginare la situazione? Lo abbiamo chiesto ad un esperto: il dottor Massimo Valverde, laureato in Medicina e Chirurgia, nonché specializzato in Endocrinologia Sperimentale, Farmacologia e Tossicologia. Un’autorità in materia, che ha ricercato soluzioni al problema delle micotossine e del recupero delle derrate alimentari di origine agro-zootecnica inutilizzabili proprio perché compromesse da livelli inaccettabili di micotossine.

“Un problema tanto antico quanto enorme – spiega Valverde –  e per il quale ancora oggi non esiste una vera e propria legislazione”. Si tratta sostanzialmente di sostanze chimiche tossiche prodotte da funghi: “Esistono centinaia di studi a riguardo, ma per venirne realmente a capo bisognerebbe risanare l’intera filiera alimentare”.

GUARDA QUI LA VIDEO-INTERVISTA:

leggi anche
  • Ministero della salute
    Micotossine nella farina della polenta di Arcene: non consumatela
    Eventi a Bergamo e provincia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it