BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

G7, debutto internazionale per la “Stracciatella il gelato di Bergamo”

Il G7 dell’agricoltura che si terrà a Bergamo tra nel week end del 14 e 15 ottobre sarà occasione di un vero e proprio debutto internazionale per il nuovo marchio collettivo del territorio ‘La Stracciatella il gelato di Bergamo’

Il G7 dell’agricoltura che si terrà a Bergamo tra nel week end del 14 e 15 ottobre sarà occasione di un vero e proprio debutto internazionale per il nuovo marchio collettivo del territorio ‘La Stracciatella il gelato di Bergamo’: il gusto di gelato famoso in tutto il mondo e oggi legato ad un disciplinare di produzione e ad un brand delizierà i palati dei ministri delle politiche agricole di Italia, Francia, Germania, Giappone, Stati Uniti, Regno Unito e Canada che si sono dati appuntamento nella nostra città.

Domenica 15 ottobre La Stracciatella il Gelato di Bergamo sarà ospite del buffet di dolci dei tristellati fratelli Cerea, in occasione del pranzo riservato ai Ministri e agli invitati, mentre la sera di sabato 14, a partire dalle ore 19.30, è in agenda lo ‘show cooking del gelato’ in una delle 25 postazioni del gusto presenti ad Astino.

Niccolo’ Panattoni, in veste di mastro pasticcere, utilizzerà l’evoluzione ‘mobile’ del macchinario usato da suo nonno Enrico quando inventò la stracciatella (ed ancora oggi in uso a La Marianna, ndr) e produrrà al momento l’irresistibile mix di fiordilatte e cioccolato fondente per gli ospiti della serata.

Non v’è dubbio, ormai, che il gusto Stracciatella, presente in tutte le gelaterie del mondo, debba a Bergamo i suoi natali: era il 1961 quando in città, Enrico Panattoni, appassionato di cucina e pasticceria, durante il processo di mantecazione del fiordilatte, inserì una dose di cioccolato fondente caldo che venne ‘stracciata’ dallo sbattimento delle pale del mantecatore mentre si solidificava. L’effetto gli ricordò quello dell’uovo intero sbattuto nel brodo bollente, una minestra in quegli anni molto apprezzata, conosciuta come “stracciatella”. E fu cosi che battezzò con lo stesso nome il gusto appena creato.

Ora ‘La Stracciatella il Gelato di Bergamo’ diventerà elemento di promozione territoriale attraverso l’omonimo progetto, promosso dai Gelatieri Bergamaschi, Ascom Bergamo, sostenuto da CCIAA, supportato dalle aziende bergamasche del gelato Astori Group, Gel Matic, Ostificio Prealpino e Puntogel e con il Patrocinio del Comune di Bergamo, ed inserito tra quelli di Lombardia Orientale 2017 East Lombardy – Regione Europea della Gastronomia per promuovere il territorio attraverso le sue tradizioni enogastronomiche.

“Il G7 è un’occasione imperdibile per far conoscere al mondo ‘La Stracciatella il Gelato di Bergamo’ – dice Niccolo’ Panattoni – che, grazie al progetto di valorizzazione, oggi è patrimonio del territorio, al centro di una sinergia tra gelaterie, aziende del settore ed istituzioni e di un’ampia strategia di valorizzazione gastronomica di tutta la provincia”.

“Il gelato di Bergamo, la stracciatella, non può più essere solo una bella storia da raccontare – spiega Oscar Fusini, direttore di Ascom Bergamo – ma un nuovo must con il quale promuovere la bellezza di città e la provincia, a partire dalla collaborazione tra il comitato gelatieri, la Camera di Commercio e il Comune di Bergamo, così attenti nella politica di valorizzazione del brand Bergamo e del turismo”.

“La stracciatella è uno dei gusti più famosi al mondo – conclude Massimo Bosio, presidente dei Gelatieri Bergamaschi – : promuoverla significa valorizzare l’intera filiera del gelato in provincia, dai produttori di materie prima alle aziende fino alle gelaterie. La stracciatella è il gelato di Bergamo, e Bergamo è terra di gelato, il nostro obiettivo è far conoscere il nostro territorio anche per questa eccellenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.