Dalla sabbia all'erba sintetica: nuovo campo da calcio all'oratorio di Leffe - BergamoNews
Val seriana

Dalla sabbia all’erba sintetica: nuovo campo da calcio all’oratorio di Leffe

La nuova struttura, costata 105mila euro, è stata intitolata a Gianni e Luciana Radici. Domenica mattina la festa per l'inaugurazione

Dalla sabbia all’erba sintetica: il campo da calcio dell’oratorio San Martino di Leffe è stato messo a nuovo e domenica 15 ottobre verrà inaugurato.

I lavori, svolti dalla ditta Satifex Turf di Gandino, hanno preso il via ad inizio settembre e sono terminati nella prima settimana di ottobre.

“Una miglioria non da poco – spiega il parroco del paese don Giuseppe Merlini – dal punto di vista pratico i bambini giocando si sporcheranno di meno e le mamme saranno più contente; ma l’aspetto più rilevante è che i ragazzi potranno usufruire di un terreno di gioco più confortevole, comodo ed adeguato. Abbiamo fortemente desiderato questo intervento per far sì che il campo fosse più accessibile per tutti”.

La spesa totale per la realizzazione dell’opera è di 105mila euro, di cui una parte è stata donata dalla signora Luciana Previtali Radici.

“Il campo – prosegue il parroco – è intitolato alla memoria di Gianni e Luciana Radici per la testimonianza dei valori fondamentali di famiglia e impegno che hanno sempre dimostrato e trasmesso”.

Alle 10 di domenica 15 ottobre verrà celebrata la messa di inizio anno catechistico da don Emanuele Poletti, il direttore dell’ufficio diocesano degli oratori; successivamente si procederà con la benedizione del campo e verrà scoperta la targa in marmo in ricordo di Gianni e Luciana Radici.

Recentemente, anche un altro comune dell’alta Valle Seriana ha festeggiato l’inaugurazione del campo in erba sintetica: domenica primo ottobre è stato infatti tagliato il nastro al campo dell’oratorio di Ponte Nossa.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it