BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il M5S manifesta contro il Rosatellum: in piazza a Roma anche i bergamaschi fotogallery

A fianco dei deputati grillini sono scesi anche tantissimi manifestanti bergamaschi guidati dal consigliere regionale Dario Violi: "Qui stiamo andando oltre al fascismo"

Mentre alla Camera dei deputati si vota la fiducia sui primi due articoli del Rosatellum bis, fuori, in piazza Montecitorio, il M5S alza la voce. Tra cori, fischi e qualche insulto i grillini sono arrivati in migliaia da tutta Italia per dire no alla nuova proposta di legge elettorale, quella che (se tutto andrà come sembra) porterà gli italiani al voto all’inizio de 2018.

In piazza, a fianco dei deputati del M5S, sono scesi anche tantissimi manifestanti bergamaschi guidati dal consigliere regionale Dario Violi.

Sulla legge elettorale, intanto, sono arrivate dichiarazioni che definire infuocate sembra poco. Il più arrabbiato è Alessandro Di Battista, che ha persino tirato in ballo il duce: “Solo Mussolini è arrivato a fare tanto – ha dichiarato senza mezzi termini a Radio Capital -. Mattarella ci pensi bene prima di firmare questa ennesima porcata. La democrazia oggi è in pericolo, è a rischio. Il Parlamento viene composto dai rappresentanti del popolo. Con questa legge sarà composto da rappresentanti dei partiti”.

“Questa legge è sotto gli occhi di tutti – è invece l’attacco, altrettando duro, di Violi -. In pratica è una legge anti-M5S: se anche alle prossime elezioni dovessimo vincere con un netto margine sugli altri avversari non avremmo la stabilità, quindi Mattarella non potrà mai dare l’incarico a quella che – lo dicono i numeri – è la prima forza politica del Paese. Qui stiamo andando anche oltre al fascismo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.