BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ecco la ‘legge Facebook’: multe fino a 50 milioni per chi diffama

La prima al mondo contro i post offensivi sui social. Uno staff di 50 dipendenti del ministero della Giustizia sorveglierà l'applicazione delle norma

Arriva la “legge Facebook”. Il codice, appena entrato in vigore in Germania, costringerà i social network con più di 2 milioni di iscritti a cancellare i contenuti diffamatori. Pena? Multe salatissime, che potranno raggiungere i 50 milioni di euro.

È la prima legge al mondo di questo tipo. Uno staff di 50 dipendenti del ministero della Giustizia sorveglierà l’applicazione delle norme.

I colossi del settore hanno tre mesi per adeguarsi: da gennaio 2018 ogni post infamante dovrà essere rimosso. Giganti della rete come Twitter, Facebook o YouTube dovranno dunque adattarsi alle regole tedesche per cancellare tirate d’odio, pagine finte e offensive, minacce o le fake news da querela.

La novità, rispetto alla prima versione arrivata in Parlamento, è che i social network non si dovranno incaricare di cancellare anche tutte le copie della pagina o del post offensivi che circolino in Rete.

I social hanno già dovuto nominare un responsabile per le denunce che arrivano dalla Germania. Se incasseranno più di cento segnalazioni, dovranno stilare un rapporto ogni semestre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.