BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giro di Lombardia, Vincenzo Nibali vince la sua cinquantesima corsa fotogallery

Lo Squalo vince la classica partita nella mattina di sabato 7 ottobre da Bergamo

Il popolo di Como quest’oggi alza un grido ad una sola voce :  Vincenzo Nibali. È il nome di un campione, che a quasi trentatré anni (“trentadue ancora” come ama specificare) sa ancora vincere una grande corsa come il Giro di Lombardia, partito nella mattina di sabato 7 ottobre da Bergamo e giunto dopo 248 km in Lungo Lario Trento nella città di Plinio. Una gara senza alcuna sbavatura, gestita da padrone assoluto e conquista con un morso tipico di uno squalo bianco giunto al momento giusto in lago. Nonostante la condizione non proprio eccezionale dei gregari Franco Pellizzotti e Enrico Gasparotto, Vincenzo si è preso il Lombardia in un solo boccone, attaccando a 17 km dal traguardo, quando sul Civiglio in avanscoperta c’era Thibaut Pinot, e da lì è stato un assolo fin sotto la linea del traguardo. Inutili i tentativi di Fabio Aru e Julien Alaphilippe sull’ultima salita del San Fermo della Battaglia, per loro non è restato altro che giocarsi i due gradini più bassi del podio, con il francese giunto secondo a trentadue secondi dal siciliano e Gianni Moscon a trentotto secondi a regolare il gruppetto dei migliori. “Vincenzo oggi ne aveva di più ed era impossibile cercare di contrastarlo. Ho provato due volte sul Muro di Sormano e sul Civiglio, ma non c’e stato nulla da fare, era più forte”, spiega Gianni Moscon, mentre Nibali scherza sulla sua impresa : “Quando sono partito non ho pensato a nulla se non ad andar dritto. Non posso dimenticare Michele Scarponi in questa giornata particolare, tant’e che un po’ mi manca”. Da segnalare nelle prime battute una buona gara da parte del giovane bergamasco Lorenzo Rota che, in compagnia di altri sei atleti hanno raggiunto un vantaggio massimo di 12 minuti sul Colle Gallo prima di essere raggiunti dal gruppo sulla salita che porta al Santuario del Ghisallo; mentre grande paura si è avuta quando il belga Laurence De Plus è caduto oltre un guardrail nella discesa dal Muro di Sormano, senza riportare gravi conseguenze.

Una vittoria di spessore per Nibali, la numero cinquanta per la precisione, che lo inserisce nel ristretto club di plurivincitori di classiche, ma che non lo sazia, tant’e’ che ora lancia la sfida alla Liegi – Bastogne – Liegi, la classica a lungo sognata e sfiorata nel 2012, oltre che a quel Mondiale che manca nel palmares : “Se dovessi scegliere cosa vincere, direi un Mondiale e l’Olimpiade”.

 

ORDINE D’ARRIVO GIRO DI LOMBARDIA :

Media: 39,150 km/h

  1. 41 NIBALI Vincenzo ITA TBM BAHRAIN – MERIDA 6.15’29”
  2. 161 ALAPHILIPPE Julian FRA QST QUICK-STEP FLOORS 6.15’57” 0’28”
  3. 204  MOSCON Gianni ITA SKY TEAM SKY 6.16’07” 0’38”
  4. 18  VUILLERMOZ Alexis FRA ALM AG2R LA MONDIALE 6.16’07” 0’38”
  5. 111 PINOT Thibaut FRA FDJ FDJ 6.16’07” 0’38”
  6. 11 POZZOVIVO Domenico ITA ALM AG2R LA MONDIALE 6.16’07” 0’38”
  7. 31 ARU Fabio ITA AST ASTANA PRO TEAM 6.16’07” 0’38”
  8. 205 NIEVE ITURRALDE Mikel ESP SKY TEAM SKY 6.16’09” 0’40”
  9. 147 QUINTANA Nairo COL MOV MOVISTAR TEAM 6.16’11” 0’42”
  10. 34 CHERNETSKI Sergei RUS AST ASTANA PRO TEAM 6.16’16” 0’47”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.