BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bomba in Juve-Toro, Appello del pm contro sentenza per l’ultrà di Romano

Secondo il magistrato Andrea Padalino l'ordigno "poteva uccidere". Giorgio Saurgnani era stato condannato a 2 anni e 8 mesi

La bomba carta che esplose all’Olimpico di Torino il 26 aprile 2015 fra gli spettatori di un derby, provocando undici feriti, era un “ordigno capace di uccidere”. Con questa motivazione il pm Andrea Padalino ha presentato ricorso in appello contro la sentenza con cui il tribunale, lo scorso 7 febbraio, ha condannato il bergamasco Giorgio Saurgnani, 29enne di Romano, a due anni e otto mesi di carcere.

Secondo il pm, che in aula aveva chiesto sette anni e mezzo, i giudici hanno interpretato erroneamente la natura dell’oggetto e, quindi, non hanno considerato l’imputato colpevole della violazione di una legge del 1969 sulle armi, addebitandogli una condotta meno grave.

“Lo hanno considerato al pari di un petardo o di un fuoco di artificio» scrive, mentre aveva «capacità potenziale di provocare la morte”. La potenza dell’esplosione, ribadisce il pm, si ricava dai filmati da cui si vedono “pezzi consistenti di seggiolini volare in aria per decine di metri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.