BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Violenza e bullismo tra giovanissime: due arresti per rapina aggravata a Brembate

Le ragazze finite in manette dopo la violenta rissa scoppiata mercoledì sera sono una 19enne e una 17enne

Mercoledì sera, a Brembate, si è consumata una violenta rissa tra cinque giovani ragazze, tre diciassettenni e due neo diciannovenni, tutte residenti in provincia di Bergamo. Il tutto, secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri di Treviglio, intervenuti in forze insieme ai militari delle stazioni di Zingonia e Capriate San Gervasio, sarebbe avvenuto per precedenti screzi consumatisi all’interno di una discoteca della zona nei giorni scorsi. Da qui è nata la “spedizione punitiva” di mercoledì sera, durante la quale è stata utilizzata una catena metallica (quella nella fotografia, ndr), rinvenuta e poi sequestrata dai carabinieri.

Durante la rissa, due delle protagoniste hanno rapinato una delle ragazze coinvolte, nello specifico una delle due 19enni, del proprio telefono cellulare, dandosi poi alla fuga.

Alcuni testimoni occasionali hanno assistito all’accaduto e così dato l’allarme al 112, determinando così l’intervento dei carabinieri, i quali, al loro arrivo, hanno raccolto i primi elementi informativi e da lì a poco rintracciato tutte le parti coinvolte.

Due delle ragazze partecipanti alla rissa, entrambe minorenni, hanno anche riportato lesioni personali guaribili in rispettivamente in 10 e 15 giorni, a seguito della brutale colluttazione in cui sono rimaste coinvolte.

Per tutte e cinque le giovanissime ragazze è scattata quindi la contestazione a piede libero per rissa aggravata e lesioni personali aggravate. Per due di esse, invece, una 19enne ed un’altra 17enne, si è proceduto all’arresto in flagranza di reato per rapina aggravata in concorso.

Alla maggiorenne, su disposizione della Procura della Repubblica di Bergamo, sono stati imposti gli arresti domiciliari, mentre per la minorenne la traduzione al carcere minorile di Milano.

Nei prossimi giorni si celebrerà la relativa udienza di convalida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.