BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Decisivo senza regalare grandi scatti ai fotografi: l’Atalanta si gode Etrit Berisha

Arrivato in punta di piedi un anno fa il portierone albanese si è preso la maglia da titolare e non l'ha più lasciata. Ora è diventato una garanzia, un punto fermo in attesa della crescita di Gollini

Più informazioni su

Non regala grandi scatti ai fotografi, non è uno da parate spettacolari. Etrit Berisha, in campo come fuori, è un ragazzo semplice. Il suo arrivo a Bergamo è stato molto particolare: Sportiello era reduce da qualche errore di troppo dopo un’estate caldissima con la Fiorentina sulle sue tracce. Così, nell’ultimo giorno di mercato, l’Atalanta ha scelto l’albanese per non rischiare di rimanere senza portiere.

Una scelta saggia, a posteriori quasi geniale. Berisha si è preso la maglia da titolare e non l’ha più lasciata, diventando presto l’uomo in più dello scacchiere di Gasperini. Da dietro, ha comandato per tutto l’anno una delle migliori difese del campionato. E spesso, alcune sue parate, sono risultate decisive per il quarto posto finale.

Basta pensare alla doppia sfida contro il Napoli o alla partita in casa contro la Roma. Le sue mani sono arrivate praticamente ovunque e a giugno è arrivato il riscatto, dalla Lazio: cinque milioni di euro spesi per un portiere, non era mai successo nella storia dell’Atalanta. Un acquisto necessario, ma sopratutto utile. Per far crescere il giovane Gollini e assicurare a Gasperini un numero uno di qualità.

Con l’inizio della nuova stagione è diventato ancor più fondamentale. Prima come uomo spogliatoio, un concetto da non sottovalutare, utile soprattutto nei momenti di difficoltà. Poi in campo, dove contro la Juventus ha parato il primo calcio di rigore da quando è sbarcato a Bergamo. Una grande forza di nervi, perché fermare Dybala dagli undici non è mica da tutti.

Berisha

Quando si è rialzato, quasi non ci credeva. Il pugno chiuso, l’abbraccio dei compagni. Lui che in occasione del primo gol aveva sbagliato tutto, respingendo corto un tiro di Matuidi nell’azione e favorendo così il primo centro in bianconero di Federico Bernardeschi.

Si è riscattato con il rigore, nel finale di partita. Lo stadio è esploso, Berisha ha regalato all’Atalanta un punto d’oro e… un’altra notte magica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.