BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aggredì e rapinò due coetanee: “Quella 19enne è pericolosa, resti ai domiciliari”

La decisione del Tribunale del Riesame di Brescia impone alla giovane bergamasca finita in manette nell'aprile scorso dopo una rissa con delle coetanee di restare agli arresti domiciliari

Il 5 aprile 2017 venne arrestata in flagranza di reato per rapina aggravata e lesioni personali aggravate, dopo aver partecipato per l’appunto ad un raid punitivo contro due minorenni dovute ricorrere alle cure dei sanitari. All’epoca dei fatti si parlò di “bullismo rosa” tra giovanissime ragazze (leggi QUI). In quella circostanza, la 19enne venne arrestata dai carabinieri di Treviglio insieme ad una 17enne e le venne sequestrata una catena per arti marziali, disciplina conosciuta appunto dalla maggiorenne. Successivamente, vennero disposti nei suoi confronti gli arresti domiciliari e, in seconda battuta, l’obbligo di firma, per attenuazione delle esigenze cautelari.

Mercoledì 4 ottobre, però, un’ulteriore evoluzione giudiziaria del procedimento nei confronti della 19enne. I militari di Treviglio le hanno infatti notificato ed eseguito una nuova ordinanza di custodia cautelare applicativa degli arresti domiciliari, che la 19enne dovrà appunto scontare a casa sua a Bergamo, dopo l’intervento del Tribunale del Riesame di Brescia attivato dalla Procura della Repubblica di Bergamo, ritenendo difatti che la cruenza dei fatti accertati dai carabinieri e la personalità della ragazza richiedono necessariamente un provvedimento custodiale, non potendo quindi l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria soddisfare tutto ciò.

A sei mesi esatti di distanza dall’episodio dell’aprile scorso, nuovo arresto di conseguenza per la 19enne che non potrà uscire dalla propria abitazione in assenza dell’autorizzazione del Giudice.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.