BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Torre Boldone, costi energetici giù del 40% con la riqualificazione di 4 edifici

Gli interventi su municipio, plesso scolastico D. Alighieri, biblioteca comunale e centro sportivo hanno portato al taglio di 54 tonnellate equivalenti di petrolio e una riduzione di emissioni di CO2 pari a 120 tonnellate.

Torre Boldone raggiunge il 40% di risparmio dei costi energetici e taglia le emissioni nocive, riqualificando quattro edifici pubblici con soluzioni in pompa di calore a energia rinnovabile a metano: i risultati verranno presentati martedì 3 ottobre alle 15 nella Sala Consigliare del Comune, durante un meeting voluto dall’Amministrazione e organizzato insieme a Robur, dedicato alle riqualificazioni che hanno interessato il municipio, il plesso scolastico D. Alighieri, la biblioteca comunale e il centro sportivo.

Per gli interventi di Torre Boldone sono state scelte le soluzioni Robur anche a integrazione delle caldaie esistenti: complessivamente si tratta di 32 pompe di calore a metano per il riscaldamento e condizionamento a metano, tutto a energia rinnovabile aerotermica. Le soluzioni Robur si sono dimostrate efficaci per consentire risparmi notevoli, andando a incidere in modo apprezzabile sulla voce di spesa più significativa per le casse comunali, ovvero quella per il riscaldamento.

Infatti, secondo i dati misurati dal Politecnico di Milano, che ha monitorato gli impianti, i risparmi energetici si attestano mediamente al 40% rispetto alle soluzioni installate in precedenza, anche senza rifacimento di cappotto. Questo si traduce in un taglio di 54 tonnellate equivalenti di petrolio e una riduzione di emissioni di CO2 pari a 120 tonnellate, grazie a un utilizzo complessivo di 352.392 kWh annui di energia rinnovabile aerotermica utilizzata. Oltre ai numeri, questa best practice è rivelatrice del valore di una pubblica amministrazione che diventa modello di efficienza energetica e sostenibilità ambientale per tutti i suoi cittadini.

Tutti gli interventi sono stati finanziati all’interno del Bando di Regione Lombardia, che si è posta l’obiettivo di efficientare il settore della pubblica amministrazione, con particolare attenzione a sedi municipali, scuole ed edifici sportivi. È stato così promulgato il Decreto Regione Lombardia 8413 del 08/09/2010 che ha previsto un consistente finanziamento regionale – fino all’80% delle spese sostenute – per progetti di risparmio energetico e di utilizzo di energia rinnovabile per la riqualificazione degli edifici della P.A.

All’evento parteciperanno in qualità di relatori, oltre agli amministratori “di casa”, anche l’Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi, il Vice Presidente Servizi Innovativi e Tecnologici (SIT) di Confindustria Bergamo Giuseppe De Beni, A2A e Nicola Varvelli, Direttore Commerciale Robur Spa.

Il meeting segna anche il forte legame tra le realtà del territorio e la cultura d’impresa Robur, che studia, sviluppa e produce le soluzioni innovative in pompa di calore interamente a Verdellino. Si tratta di un evento che vuole essere un laboratorio per la sostenibilità, e non solo energetica, per attivare un circolo virtuoso con ricadute positive su tutto il territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.