BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Torna il Rally del Sebino: 100 iscritti, tutti a caccia di Luca Tosini

Domenica torna la corsa bergamasca con le iscrizioni arrivate a quota 100

Il Rally del Sebino è ormai alle porte: sabato 7 e domenica 8 si correrà la sesta edizione della gara organizzata dall’Automobile Club Bergamo e dalla Sebino Eventi. Valevole come rallyday, la corsa bergamasca che sfiora il territorio bresciano, è entrata ormai a far parte degli eventi di riferimento del motorsport lombardo e riprova ne è il fatto che sono quasi cento i concorrenti che hanno scelto di parteciparvici.

Tutti contro Tosini
Chiuse le iscrizioni il giorno venerdì 29 settembre, il comitato a capo della macchina organizzativa sta ultimando le fasi di protocollazione per poter poi redigere l’elenco iscritti definitivo. Confermata la presenza in classe R3C del campione uscente Luca Tosini, primo sia nel 2016 che nel 2015, viene registrata anche a presenza del locale Mauro Zambelli e del lecchese Nicolaj Ciofolo sempre in R3C così come quelle del camuno Fabio Spatti e del valtellinese Nicholas Cianfanelli. In R3T sarà sicuramente competitiva ai fini della vittoria la Citroen DS3 di Alex Vittalini vincitore del Rally Aci Lecco dello scorso giugno Nomi pesanti pure in S1600, l’altra classe potenzialmente capace di puntare al successo: in gara ci sarà Alan Ronchi, terzo un anno fa e con intenti da podio pure per questa edizione; fari puntati anche su “Giampy” Bendotti che debutterà su Renault Clio; Ivano Pasquini, Alessandro Casano, Massimo Lombardi e Roberto Carminati sono gli altri candidati per “un posto al sole” nella graduatoria finale. Attenzione a non sottovalutare però la R2B che presenta sempre piloti in grado di mettere il muso là davanti: su tutti spiccano i nomi di Luca Zanga (4° assoluto un anno fa), del pavese Davide Nicelli e di Gianluca Saresera, quest’ultimo protagonista nel Trofeo 208 del CIWrc. Tra pochi giorni su www.sebinoeventi.com verrà ufficializzato l’elenco iscritti.

Storia della corsa
L’albo d’oro del Sebino è quantomeno particolare: nata come Ronde, la corsa lacustre balzò agli onori delle cronache per via della vittoria di una vettura GT che nei rally – parliamo del 2012 – stava sollevando clamori: il veloce Stefano D’Aste si impose con una Lotus Exige R-GT. L’anno successivo, nonostante le Wrc al via, furono una S2000 e soprattutto la neve a condizionare la gara che, nel calendario, figurava in primavera: vinse ancora un bergamasco, Flavio Savoldelli che rientrava alle gare dopo dieci anni di assenza. L’anno successivo (2014) la vittoria andò all’ossolano Davide Caffoni che su Renault Clio S1600 timbrò la prima edizione in formato Rallyday. Nonostante la presenza di altri fortissimi piloti, le ultime due edizioni hanno preso la strada della Vallecamonica grazie al talento di Luca Tosini capace di imporsi su Clio R3C sia nel 2015 che dodici mesi fa. Chi siederà sul trono del Sebino quest’anno?

Programma
Come un anno fa, l’interessante prologo del sabato si chiama “Shake Down”: sarà spettacolare vedere in anteprima le vetture che domenica si sfideranno sulle speciali, testare le regolazioni e provare gli ultimi set up nel tratto di Costa Volpino; un anno fa il riscontro di partecipazioni fu alto sia da parte del pubblico che dei concorrenti. La cerimonia di partenza avverrà dal Porto Turistico di Lovere a partire dalle ore 8.01 di domenica mattina 8 ottobre a seguito della quale ci sarà subito la speciale di Rogno; secondo stage nonché attesa new entry della gara sarà la Val di Scalve. Queste due prove verranno ripetute tre volte ciascuna per arrivare ad un totale di 38,04 chilometri cronometrati all’interno di un percorso totale di 258. La conclusione avverrà nella suggestiva location del Porto Turistico di Lovere alle 17.31.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.