BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta vuole un’altra impresa: il segno 1 con la Juve manca da 16 anni

Dopo l'ottimo punto strappato a Lione i ragazzi di Gasperini ospitano i campioni d'Italia nel posticipo della settima giornata: l'unico cambio dovrebbe essere Kurtic al posto di Cristante.

Questa immensa Dea non smette di stupire. Con una gara tutta cuore e testa, è riuscita nell’impresa di uscire indenne dalla tana del Lione, rimontando lo svantaggio (gol di un grande Traorè) con una magistrale punizione del Papu. E ora la qualificazione al turno successivo non è più un sogno.

Ma attenzione perché incombe di nuovo il campionato. E se la gara in Francia era una scalata al Monte Bianco (ben compiuta), quella che attende domenica sera i nerazzurri è una salita sull’Everest, visto che sarà la Juve a rendere visita ai nostri.

Presentare la squadra bianconera non ha senso, tutti ne conoscono le doti e le capacità. Forte, compatta, veloce, completa in ogni reparto e con un’autentica furia in attacco che risponde al nome di Paulo Dybala. L’attaccante argentino è in un momento di forma strepitoso e segna gol a raffica, in tutti i modi e da tutte le posizioni.

Non sarà facile fermare gli uomini di Allegri, anzi sarà molto difficile ma i giocatori nerazzurri cercheranno una nuova impresa. Se la Juve non dovesse vincere, sarebbe il primo passo falso in questo campionato visto che nelle precedenti 6 gare ha sempre vinto realizzando 18 gol (10 solo da Dybala) e subendone solo 3.

In casa atalantina dovrebbero giocare gli 11 di Lione con la sola eccezione di Cristante (un po’ sottotono) e l’innesto di Kurtic. Allegri dovrebbe schierare sin dal 1′ Higuain accanto a Dybala, mentre potrebbe non esserci Pjanic.

Il segno 1 contro la Juve non esce ormai da 16 anni, improbabile che questa lunga attesa possa finire domenica sera ma, come suol dirsi, non mettiamo limiti alla Provvidenza.

Quanto conterà la stanchezza fisica e soprattutto mentale dopo il match in settimana lo scopriremo solo domenica sera, ma una cosa è certa: in campo scenderanno sempre 11 leoni. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.