BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi che: lettera aperta alla mia generazione”

Magda Gattone, classe 1993, fa un appello alla sua generazione

Più informazioni su

NOI che siamo a metà tra il mondo adulto e l’adolescenza e che spesso ci sentiamo in ritardo sulla tabella di marcia perché la nostra vicina di casa ha avuto un figlio e il nostro amico si laurea nella sessione autunnale.

NOI che abbiamo acquisito conoscenze non solo dai libri di testo ma anche grazie ai voli low cost ed all’Erasmus.

NOI che abbiamo la bocca colma di ideali e la mente piena di idee e lotteremo affinché vengano ascoltati.

NOI che sogniamo un amore che ci tocchi il cuore e che ci faccia sentire le farfalle nello stomaco, ma vogliamo anche la libertà e l’indipendenza.

NOI che tante volte ci accontentiamo di cantare una canzone a squarciagola per placare il rumore che abbiamo in testa e far tacere, solo per pochi minuti, i nostri assillanti problemi.

NOI che, tante volte, per essere capiti ci rifugiamo in un libro oppure ci nascondiamo dietro un post di Facebook.

NOI che non vogliamo fotografare solo paesaggi mozzafiato oppure un outfit ben curato, ma ci piacerebbe ritrarre anche le emozioni, quelle vere.

NOI a cui non interessa se il nostro migliore amico è di origine africana e il nostro ragazzo crede in un altro Dio perché, quando stiamo insieme, i nostri cuori battono all’unisono.

NOI che siamo pieni di entusiasmo e collezioniamo aforismi di persone come Falcone e Borsellino per sentirci vivi.

NOI che vogliamo divertirci ma siamo anche pronti ad affrontare le sfide quotidiane e le responsabilità.

NOI che un: “Bravo, hai fatto un buon lavoro” vale più di qualunque somma di denaro.

NOI che nonostante il: “In Italia non troverai mai nulla, ti conviene emigrare!”, vogliamo esserci per il nostro Paese.

NOI che non desideriamo solo un buon impiego, noi vorremmo che fosse stimolante e vorremmo appassionarci e crescere non solo professionalmente ma anche umanamente.

NOI che vorremmo vivere in un mondo pulito, lontano dalla cattiveria e dall’odio umano.

NOI che siamo esasperati dalla dilagante corruzione, noi vorremmo che il nostro Paese fosse governato dalla meritocrazia.

NOI che siamo stanchi di tutto questo campanilismo e della competizione, perché siamo noi ad aver capito che insieme, e solo insieme, cambieremo il mondo.

NOI che non cerchiamo scorciatoie per arrivare alla fine del traguardo ma vogliamo correre, perché in fondo l’emozione più forte la provi nel momento in cui cerchi di raggiungere la meta.

NOI che siamo tutto questo e molto altro ancora.

NOI a cui voi dovreste lasciare la possibilità di esprimerci ma anche il tempo di sbagliare, per poi imparare.

NOI che, anche se voi non l’avete ancora capito, abbiamo davvero tanto da dare all’Italia.

NOI, in cui voi dovreste credere di più.

NOI che vogliamo esserci e ci saremo, noi che vogliamo farci sentire.

NOI che desideriamo ardentemente un futuro migliore e, ci scommetto, riusciremo a conquistarcelo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.