BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fatturato in crescita per i Cotoni di Albini: +14,3%, a quota 20 milioni foto

I Cotoni di Albini, società del Gruppo Albini specializzata nella ricerca e sviluppo delle materie prime e dei filati, dopo aver chiuso il 2016 con un fatturato di quasi 20 milioni di euro (in crescita del 14,3%) conferma per il 2017 un andamento positivo superiore al 10%.

I Cotoni di Albini, società del Gruppo Albini specializzata nella ricerca e sviluppo delle materie prime e dei filati, dopo aver chiuso il 2016 con un fatturato di quasi 20 milioni di euro (in crescita del 14,3%) conferma per il 2017 un andamento positivo superiore al 10%. Risultati estremamente interessanti frutto non solo della recente riorganizzazione e ottimizzazione con il trasferimento a Mornico al Serio nello stabilimento Filatura Prealpina, ma anche delle sinergie e del reciproco scambio di know-how con il Gruppo Albini.

Grazie a questo riassetto l’azienda rafforza ulteriormente il controllo diretto dell’intera filiera produttiva, dalle materie prime al tessuto finito, che costituisce un’unicità nel settore tessile per camiceria e consente di poter tracciare e controllare ogni passaggio produttivo garantendo qualità di prodotto, servizio, risposte veloci e massima innovazione in ogni fase del processo.

“L’obiettivo del recente riassetto – spiega l’amministratore delegato de I Cotoni di Albini, Daniele Arioldi – era infatti rendere la produzione più flessibile e veloce per poter rispondere tempestivamente ai bisogni del mercato che richiede sempre più articoli diversificati, lotti di produzione più piccoli e lead time ridotti. L’80% delle richieste viene soddisfatto just in time, ma – continua Arioldi – siamo anche in grado di consegnare filati in esclusiva, personalizzati sulle esigenze del Cliente con tempistiche veloci. Nata per produrre filati destinati al Gruppo, I Cotoni di Albini si è via via aperta al mercato della maglieria, della calzetteria di altissimo livello, della biancheria per la casa e dell’arredamento di qualità, portando la quota del fatturato di Clienti diversi dal Gruppo Albini a oltre il 60%”.

La vocazione internazionale tipica del Gruppo Albini si conferma anche ne I Cotoni di Albini con una quota export del 50% (tolta la quota di fatturato derivante dal Gruppo); ciò grazie a una struttura commerciale con agenti fissi in tutti i paesi europei per essere strategicamente e costantemente vicino ai Clienti.

I Clienti di riferimento appartengono tutti alla fascia alta del mercato, ma si differenziano molto a livello di business model (dai grandi retailer ai piccoli brand specializzati) e di settore di riferimento (dalla maglieria alla calzetteria).

I Cotoni di Albini condivide gli stessi valori del Gruppo Albini come l’ampia offerta di prodotti innovativi e di alta qualità, la massima attenzione al Cliente, affidabilità e una continua attività di ricerca e sviluppo sulle materie prime. La fornitura di filati riflette in tutto e per tutto le stesse caratteristiche di tracciabilità e unicità dei tessuti Albini.

“L’eccellente integrazione tra il Gruppo Albini e la controllata I Cotoni di Albini – spiega il presidente del Gruppo, Silvio Albini – ha generato una feconda cross fertilization, che si è tradotta per lo stesso Gruppo in know-how di ritorno sulle materie prime e sugli usi alternativi dei filati molto utile, per un’offerta sempre più sofisticata e innovativa a vantaggio non solo del Cotonificio Albini, principale Cliente di questa divisione, ma sempre di più anche di un gran numero di qualificati Clienti esterni. Con il turnaround della divisione filati è stato creato un nuovo modello di business che consente maggiore efficienza e flessibilità e maggiore valore aggiunto per una produzione di nicchia, ma in grado di offrire tutte le tecnologie di filatura”.

prodotti offerti sul mercato si posizionano nella fascia alta, articolandosi in tre principali categorie: una parte di filati basic 100% cotone in titoli fini e finissimi, una parte di filati composti da fibre cellulosiche (micro modal, micro tencel) sempre in titoli molto fini, e infine una gamma di filati ottenuti da mischie intime composte, a seconda dei casi, di cotone, lino, canapa, seta, cashmere, vicuña, lana, per creare un prodotto unico nel suo genere, di altissima gamma, destinato a diversi settori.

Fondamentale per la crescita di I Cotoni di Albini è l’innovazione, mischie innovative o inusuali, gamma di titoli estremamente ampia (dal 12/1 al 160/1), stretta collaborazione con i produttori di macchinari e con i Clienti, nonché grande attività di ricerca tutta svolta internamente.

I cotoni di Albini sarà presente a Filo presso il Palazzo delle Stelline mercoledì 27 e giovedì 28 settembre allo stand B 17. 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.