BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’influenza in agguato: saranno 5 milioni gli italiani colpiti dal virus

Quattro virus, uno nuovo, gli altri dell'anno scorso: l'influenza è in agguato e già c'è chi annuncia quanti saranno gli italiani colpiti: da 4 a 5 milioni dall'influenza vera e propria, 8-10 milioni dalle sindromi provocate da altri virus respiratori.

Più informazioni su

Quattro virus, uno nuovo, gli altri dell’anno scorso: l’influenza è in agguato e già c’è chi annuncia quanti saranno gli italiani colpiti: da 4 a 5 milioni dall’influenza vera e propria, 8-10 milioni dalle sindromi provocate da altri virus respiratori.

A sbilanciarsi, con l’Ansa, il virologo e ricercatore del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università di Milano Fabrizio Pregliasco.

Ma ancora una volta sarà il meteo a decidere: se l’inverno sarà lungo e freddo sicuramente si avranno molti più pazienti influenzati. Se al contrario sarà più mite, saranno invece i virus para-influenzali a farla da padroni.

Dal momento che i virus saranno 4 l’Organizzazione mondiale della sanità suggerisce di mettere a punto un vaccino quadrivalente, ma il consiglio non è molto seguito. Lo scorso anno un’azienda l’ha proposto. Quest’anno se ne aggiunta solo una seconda. Ma anche i vaccini trivalenti, soprattutto se adiuvati sono efficaci, pur non assicurando una copertura totale. Pregliasco raccomanda il quadrivalente per bambini e adulti, mentre il trivalente – dice – può essere sufficiente per gli anziani, che hanno già incontrato più volte i virus, e hanno quindi in genere sintomi più attenuati.

Va detto che negli ultimi anni è di molto diminuito il numero di chi si vaccina, nonostante la gratuità voluta proprio per estendere questa prassi preventiva: un’indagine di Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) gli anziani che si vaccinano tutti gli anni sono oggi il 45%, mentre sull’intera popolazione il dato non va oltre il 14%.

I sintomi: la vera influenza si presenta con febbre alta (oltre 38), dolori muscolari/articolari e sintomi respiratori come tosse, naso che cola, congestione nasale o mal di gola. “In generale – dice Pregliasco – sono infezioni che si diffondono con rapidità: un solo starnuto può contenere circa 40000 micro goccioline che possono viaggiare a oltre 300 all’ora”.

La cura. Per abbassare i sintomi guarire servono i farmaci senza obbligo di ricetta, che però non li cancellano: “Azzerare la febbre e andare a lavorare fa il gioco del virus: si contagiano altri e ci si ammala di più”, spiega il virologo. Gli antibiotici servono solo se dopo 4 giorni i sintomi persistono, mai fai-da-te..

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.