BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Teamitalia

Informazione Pubblicitaria

La Riccafana, azienda vitivinicola innovativa della Franciacorta, dà vita a “Teratis”, il rosso di Riccardo Fratus

La Riccafana è una azienda vitivinicola storica della Franciacorta che inizia la sua produzione nel 1973 quando Gianni Fratus, il padre fondatore, recupera l’antico casale quattrocentesco dove oggi sorge la cantina, ed inizia la produzione, con l’adesione al Consorzio per la Tutela del Franciacorta.

Più informazioni su

La Riccafana è un’azienda vitivinicola storica della Franciacorta che inizia la sua produzione nel 1973 quando Gianni Fratus, il padre fondatore, recupera l’antico casale quattrocentesco dove oggi sorge la cantina, ed inizia la produzione, con l’adesione al Consorzio per la Tutela del Franciacorta.

È il figlio Riccardo, a cui passa la proprietà dell’azienda, ad intuire le potenzialità di questo fazzoletto magico di terra: La Riccafana coltiva infatti 15 ettari orientati interamente sul versante meridionale del Monte Orfano, unico rilievo collinare della Franciacorta, di derivazione tettonica, con un sottosuolo composto da argille e calcare e con una forte presenza minerale, tra cui spicca una componente quarzosa importante.

Nel 2002 inizia per La Riccafana la conversione al biologico, certificata a partire dal 2006 come precursori del metodo bio sia a livello agronomico sia enologico in Franciacorta.

La linea di Franciacorta Bio è l’espressione più autentica e pura del loro territorio: tutti i prodotti sono genuini, naturali, semplici; come un bel corpo, che non necessità di un abito pesante a ricoprirlo.

I dosaggi di zucchero vengono mantenuti molto bassi, si lavora con percentuali ridottissime di solfiti e addirittura è stato lanciato il primo Franciacorta senza solfiti e senza zuccheri aggiunti: lo Zero Zero, fiore all’occhiello della linea e massima espressione della loro filosofia.

Oltre a produrre bollicine di qualità, nel rispetto dell’unicità territoriale della zona e con un occhio di riguardo al consumatore finale, Riccardo Fratus riprende anche la chimera tanto sognata dai Franciacortini di produrre un vino rosso importante, capace di far cambiare idea a quanti considerano la zona poco vocata alla produzione di vino rosso.

Lavora duramente, dedicando un ettaro della sua proprietà ad uve Merlot e Cabernet, coltivati a biologico, e gestiti manualmente, poiché gran parte della zona è difficilmente trattorabile, con una selezione primaverile dei germogli e regolazione del carico per pianta con diradamento.

Monterovato

La vendemmia è tardiva, per garantire un’elevata concentrazione di zucchero, polifenoli e ottenere una morbidezza del prodotto tutta da provare. La fermentazione in legno per quattordici mesi, la lavorazione in acciaio e l’imbottigliamento nel 2017 hanno dato vita ad un prodotto di assoluta eccellenza, che fa pensare ai grandi Cru della viticultura italiana. Con soddisfazione si può fare il paragone con un grande Amarone.

Il Teratis, vino rosso in Franciacorta, è un vino molto intenso: il colore è un rosso rubino impenetrabile, i sentori di naso sono avvolgenti: confetture di frutta rossa. I sapori tondi che nascono in bocca sono quelli di un caldo velluto che avvolge il palato. Con i suoi 15 gradi alcol, il Teratis: il rosso di Riccardo Fratus, non è un vino per tutte le occasioni: è la consapevolezza che la terra del Monte Orfano può offrire molto altro oltre alle preziose bollicine che hanno reso la Franciacorta celebre.

Per informazioni:
La Riccafana di Riccardo Fratus
via F.lli Facchetti 91- 25033 Cologne (BS) – Tel/Fax +390307156797 – Cell +393927935584
Email: info@fratuslariccafana.com – sito: www.riccafana.it

Riccafana

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.