Quantcast
Petagna raggiante dopo il Crotone: "Sto crescendo, con Papu e Ilicic tutto più facile" - BergamoNews
Le interviste

Petagna raggiante dopo il Crotone: “Sto crescendo, con Papu e Ilicic tutto più facile”

L'attaccante, al secondo gol consecutivo, respinge le critiche: "Mi scivolano addosso, il mister è contento quando gioco per la squadra e a me va bene così. Se avessi voluto fare da solo avrei giocato a tennis".

Una vittoria spettacolare, cinque gol ad un Crotone quasi inesistente e altri tre punti in tasca. E’ un turno infrasettimanale sorridente per l’Atalanta, che vola a sette punti in campionato dopo cinque giornate. Ora la testa è più leggera, la squadra di Gasperini si può concentrare con maggiore tranquillità a tre sfide di fuoco in una settimana: Fiorentina, Lione e Juventus.

Serata felice anche per chi ha fatto proprio mercoledì sera il suo esordio in Serie A: Luca Vido, che dopo la partita ha parlato in zona mista: “Abbiamo fatto una buona partita, interpretandola bene. E’ stato bello esordire, speravo di fare gol, ma speriamo arrivi nelle prossime giornate. Sono stato servito bene dai miei compagni, è mancata solo un po’ di precisione. Ora siamo in un bel periodo, il lavoro paga e dobbiamo continuare così. Il mio obiettivo è quello di ritagliarmi più spazio possibile. I compagni mi hanno consigliato di essere tranquillo e che tutto sarebbe venuto naturale”.

Dopo il gol della vittoria segnato contro il Sassuolo, secondo timbro stagionale per Andrea Petagna, anche lui ai microfoni a fine gara: “Avevamo preparato bene la partita, questa è la strada giusta. In attacco siamo riusciti a fare belle giocate con Ilicic e Gomez. Sono contento di aver segnato perché il mister insiste molto sul mio lavoro in area, io sto imparando. Ma l’importante per me è vincere, non fare gol. Le critiche mi scivolano addosso, Gasperini è contento quando gioco per la squadra e a me va bene così, se avessi voluto fare da solo avrei giocato a tennis”.

Poi sul suo stato di forma: “Ho iniziato il ritiro più tardi e mi mancava un po’ di ritmo partita, ora sto crescendo e mi sento bene. Poi giocare con due giocatori come Ilicic e Gomez rende tutto più semplice. Devo continuare a lavorare per migliorarmi ulteriormente, siamo sulla buona strada e possiamo toglierci grosse soddisfazioni anche quest’anno. Obiettivi personali? Preferisco fare un passo alla volta, mi bastano i traguardi di squadra. La concorrenza fa bene a tutti, se il mister mi manda in campo è perché mi ritiene importante per la squadra”.

Una stagione diversa, con partite ogni tre giorni: “Mi piace giocare così spesso, ci sarà spazio per tutti, anche per i più giovani. Siamo un bel gruppo, teniamo a campionato ed Europa League. Certo, nelle sfide internazionali c’è più emozione perché per tanti di noi è la prima volta”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI