BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ordinanze anti-accoglienza, lettera ai prefetti per annullarle: 9 in Bergamasca

L'Asgi ha scritto ai prefetti di Milano, Brescia, Bergamo, Lecco e Varese per contestare 20 delibere: a Bergamo coinvolti i Comuni di Capizzone, Spirano, Telgate, Palazzago, Torre Boldone, Covo, Palosco, Pontida e Azzano San Paolo.

“Le ordinanze comunali contro l’accoglienza vanno annullate”: l’Asgi, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione, lancia la battaglia contro i sindaci lombardi che hanno introdotto regolamenti locali per limitare l’accoglienza dei richiedenti asilo.

Un’iniziativa che ha accolto il favore di diverse associazioni e sindacati, tra i quali anche Cgil Bergamo, Uil Bergamo e Cgil Vallecamonica-Sebino, ed è sfociata in una lettera inviata ai prefetti di Milano, Brescia, Bergamo, Lecco e Varese per chiedere gli interventi degli stessi sulle ordinanze che “impongono a privati e associazioni, senza alcuna ragionevole motivazione, oneri di comunicazioni ai Comuni che violano la libertà contrattuale dei privati e che riguardano dati e informazioni che sono tutti già a disposizione del Comune stesso o della Prefettura, violando così il principio di diritto secondo il quale l’amministrazione non può gravare la posizione del privato con la richiesta di dati e documenti di cui può disporre semplicemente acquisendoli da altri organi dell’amministrazione”.

“Inoltre – continuano le organizzazioni – è addirittura richiesta una relazione quindicinale sulle condizioni sanitari degli ospiti, in violazione di elementari principi di tutela della privacy. È di tutta evidenza che tali ordinanze non perseguono alcuna finalità di pubblico interesse ma hanno solo lo scopo di scoraggiare la cittadinanza dalla adesione ai piani di accoglienza, piegando così l’attività amministrativa a finalità politiche di parte”.

Tra le ordinanze contestate, 20 al momento, anche quelle dei comuni bergamaschi di Capizzone, Spirano, Telgate, Palazzago, Torre Boldone, Covo, Palosco, Pontida e Azzano San Paolo: la richiesta ai prefetti è quella di annullarle “al fine di ripristinare la legalità e favorire un clima di cooperazione tra le istituzioni e tra queste e le forze sociali che consenta di fare fronte all’importante esigenza di accogliere in modo diffuso e senza squilibri territoriali quanti hanno il diritto di proporre domande di protezione internazionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da piertoccagni

    Sono di più i Comuni bergamaschi coinvolti e, tra questi, Ponte San Pietro. Anche da noi il Sindaco, ad inizio agosto, venendo meno alle più elementari responsabilità del ruolo istituzionale, ha emesso un’ordinanza vessatoria dei privati che accolgono, una lettera di rifiuto alla Prefetto e un comunicato di istigazione e supporto alla formazione di comitati ostili. La lista “Ponte al Futuro” si è subito opposta a tali iniziative anticostituzionali e razziste, comunicandolo alla Prefetto.