Le Poverelle lasciano Ca' Maitino che ospitò Papa Giovanni: "Questa casa resti un luogo di pace” - BergamoNews
Sotto il monte

Le Poverelle lasciano Ca’ Maitino che ospitò Papa Giovanni: “Questa casa resti un luogo di pace”

Monsignor Claudio Dolcini, parroco di Sotto il Monte: “Le suore avevano chiesto al vescovo di esser sostituite nella gestione della casa. Abbiamo cercato di farle rimanere, ma questa volta la decisione è definitiva”

Si respira aria di cambiamento a Sotto il Monte, dove dal prossimo 25 settembre le suore Poverelle lasceranno Ca’ Maitino,– la Casa che Papa Giovanni definiva il più bel luogo di riposo e di pace – dopo 57 anni di accoglienza dei pellegrini . La notizia era nell’aria da tempo, come dichiara monsignor Claudio Dolcini, parroco di Sotto il Monte: “Le suore avevano chiesto al vescovo di esser sostituite nella gestione della casa. Abbiamo cercato di farle rimanere, ma questa volta la decisione è definitiva”.

La decisione, particolarmente sentita anche dai pellegrini, nasce a causa della mancanza di vocazioni e dell’età media sempre più alta delle suore. Tutto ciò ha costretto la Congregazione a fare questa scelta. Una posizione che ha colpito in particolare le custodi di Ca’ Maitino, come ci racconta suor Gabriella Lancini, responsabile della comunità: “La presenza delle suore a Ca’ Maitino ha mantenuto quel clima di casa, tanto caro a papa Giovanni. Qui i pellegrini vengono per confidare i propri problemi e sentirsi accolti da noi. C’è chi viene a chiedere di pregare affinché ottenga un lavoro; a tre di loro è giunta la telefonata di conferma di un nuovo posto proprio mentre si trovavano qui. C’è chi viene a condividerci la gioia per una malattia superata, per un bimbo nato dopo averlo tanto atteso, per una relazione ristabilita dopo lunghi rancori… Non importa chi ci sostituirà, ciò che conta è che si porti avanti la missione che tanto stava a cuore a Papa Giovanni: “fare di questa casa un luogo di edificazione e di pace”.

leggi anche
  • Istituto palazzolo
    Venerabili tre suore delle Poverelle uccise dall’ebola mentre curavano i malati in Africa
    Suore poverelle ebola
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it