Statale, vittoria storica per gli studenti: riaperte le immatricolazioni, basta dubbi? - BergamoNews
Milano

Statale, vittoria storica per gli studenti: riaperte le immatricolazioni, basta dubbi?

La Statale di Milano ha deciso di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato

Dopo giorni di silenzio e di dubbi (LEGGI QUI), utilizzati per studiare al meglio la situazione, la Statale di Milano ha deciso di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato. La soluzione però, visto il poco tempo a disposizione, poteva essere solo quella: rispondere al ricorso sarebbe stato troppo rischioso e la priorità ora è garantire l’avvio delle lezioni.

L’ immatricolazione, dunque, è stata aperta a tutti anche a chi non era prenotato per le prove di ammissione. Con l’introduzione del numero chiuso più di mille studenti sarebbero rimasti fuori.

1165 erano le future matricole che avrebbero tentato il test d’ammissione a Lingue e letterature straniere ma solo 650 ce l’avrebbero fatta. Analoga situazione si sarebbe presentata anche a Lettere dove gli iscritti al test erano 947 al fronte dei 580 posti. Nulla cambia invece per le future matricole di Scienze umanistiche per la comunicazione, dipartimento che ha sempre avuto il blocco a 250 posti.

Per gli studenti é “vittoria storica”. Giá da marzo l’Udu (Unione degli universitari) si era attivato per annullare l’accesso programmato nelle facoltá umanistiche all’universitá di Milano e, per ora, ha vinto. L’otto settembre sono iniziate le immatricolazioni e la tassa di iscrizione ai test verrá rimborsata.
A 10 giorni dall’inizio delle lezioni non si poteva far altro che rinunciare al ricorso ma, di certo, la questione che per ora sembra congelata presto si scioglierà.

leggi anche
  • Milano
    Test o no? Noi studenti in sospeso dopo l’abolizione del numero chiuso in Statale
    Universitari
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it