BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Minacce e spari a imprenditore per avere lavoro: arrestato 27enne foto

Nella mattinata di mercoledì 13 settembre i carabinieri di Bergamo hanno arrestato A. M., originario di Reggio Calabria ma residente ad Albano

Per ottenere quel lavoro era arrivato a sparare quattro colpi di fucile contro l’abitazione di un imprenditore di Foresto Sparso. Al termine dell’operazione denominata “Piombo sparso” i carabinieri del comando provinciale di Bergamo nella mattinata di mercoledì 13 settembre hanno arrestato A. M., 27enne originario di Reggio Calabria, ma da anni residente con la famiglia ad Albano Sant’Alessandro.

Secondo quanto ricostruito dai militari dopo un lungo lavoro di indagine coordinato dal pubblico ministero Carmen Pugliese, nel settembre dello scorso anno A.M., che gestiva una piccola impresa di autostrasporti, aveva iniziato a contattare P. P., 50enne di Foresto Sparso, titolare di una ditta di trasporti.

Prima le telefonate in cui il calabrese si poneva in modo collaborativo, tanto da proporre anche di stilare per lui fatture false. Poi, di fronte al suo rifiuto, i toni sono diventati sempre più minacciosi. Fino al due dicembre, quando intorno alle 23 la villetta dell’imprenditore bergamasco viene colpita da quattro colpi di arma da fuoco, partiti da un fucile calibro 12, come quello ritrovato e sequestrato a casa del 27enne.

Perletti decide allora di rivolgersi ai carabinieri. A gennaio riceve una nuova telefonata da A.M., che questa volta arriva a minacciarlo di morte. I militari lo mettono alle strette e dopo aver appurato le sue responsabilità, all’alba di ieri vanno a casa sua, lo svegliano e lo arrestano, oltre che per estorsione aggravata dall’utilizzo di armi clandestine, per il possesso delle armi stesse, non dichiarate: oltre al fucile, nascoste sotto alcuni bancali della sua rimessa trovano una pistola e un coltello.

A. M., con diversi parenti detenuti per il 416 bis in Calabria (associazione di tipo mafioso), è ora rinchiuso nel carcere di Bergamo, a disposizione del giudice per le indagini preliminari Federica Gaudino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.