BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arcigay Bergamo, nasce la squadra “per i diritti civili”: cerca sponsor e giocatori

Affiliata alla società A.S.D. Trezzo, giocherà nel campionato CSI di Bergamo

“Non sarà la squadra gay di Bergamo. Ci saranno giocatori gay dichiarati e giocatori etero. Quel che è certo è che tutti coloro che vi faranno parte, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, porteranno sui campi da gioco la lotta all’omofobia”. Così Marco Arlati, presidente di Arcigay Bergamo Cives, introduce la nascente squadra di pallavolo del Cives Volley Bergamo.

“Come presidente – spiega Arlati – credo profondamente che lo sport sia, dopo la famiglia e la scuola, il luogo in cui una persona viene formata ed educata. Diventa quindi essenziale essere presenti con azioni concrete e visibili, ed è per questo che abbiamo deciso di creare la squadra di pallavolo”.

Affiliata alla società A.S.D. Trezzo, giocherà nel campionato CSI di Bergamo. Durante il campionato 2017/18 verrà inserita nel progetto più ampio “Bergamo in campo contro l’omofobia”, partito lo scorso dicembre (guarda qui).

L’obiettivo è quello di arrivare a comporre una rosa di quindici elementi: “Al momento ne contiamo all’incirca dieci – prosegue Arlati -. La squadra si allenerà nella palestra di via Locatelli a Filago il lunedì, mentre il giovedì sono in programma le partite. A tal proposito, desidero ringraziare il sindaco di Filago Daniele Medici e l’Assessore allo Sport Alessandro Pirola, oltre al presidente dell’A.S.D. Trezzo Fabio Colombo per la loro disponibilità”.

A contraddistinguere la maglia da gioco del Cives Volley Bergamo ci saranno i colori bianco e blu: “Oltre ai giocatori, siamo anche in cerca di uno sponsor”, conclude il numero uno dell’Arcigay. Le iscrizioni sono aperte fino al prossimo 9 ottobre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.