Schianto in moto a Treviglio, muore 17enne di Calvenzano - BergamoNews
La tragedia

Schianto in moto a Treviglio, muore 17enne di Calvenzano fotogallery

La vittima, Marco Bonalumi di Calvenzano, era in sella alla propria moto da cross quando si è scontrata con un'auto in via Canonica: inutili i soccorsi degli uomini del 118

Tragedia sulle strade della Bassa. A Treviglio, intorno alle 19.45, è morto un giovanissimo ragazzo di 17 anni a causa di un incidente stradale.

La vittima, Marco Bonalumi residente a Calvenzano, era in sella alla sua moto da cross quando si è scontrata con un’auto in via Canonica.

Incidente mortale Treviglio

Secondo una prima ricostruzione pare che una Suzuki Vitara guidata da un 80enne stesse svoltando da via Canonica verso via Cagnola senza accorgersi che sulla carreggiata opposta stava sopraggiungendo il 17enne in sella alla propria moto da cross, una Ktm Motard 125. L’impatto, frontale, è stato inevitabile e violentissimo e ha sbalzato il ragazzo dalla sella del mezzo per un volo di diversi metri.

Sul posto ambulanza, auto medica e forze dell’ordine. Gli uomini del 118 hanno provato a rianimare il 17enne, ma non c’è stato nulla da fare.

A bordo della Suzuki Vitara un 80enne e la moglie 79enne: i due sono rimasti illesi ma per l’uomo che era alla guida del mezzo è stato necessario il trasporto all’ospedale di Treviglio per accertamenti.

Marco Bonalumi avrebbe iniziato martedì 12 aprile a frequentare il quarto anno all’Itis Archimede (ex Mozzali) di Treviglio. Sul luogo dell’incidente fino a tarda sera sono rimasti raccolti in gruppo, affranti dal dolore, diversi compagni di classe del 17enne.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it