BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Irene Colombo a Nanjing per le Olimpiadi delle rotelle fotogallery

L'atleta 17enne, tesserata con il club Enjoyski, è stata selezionata dalla Federazione Italiana Sport Rotellistici per la disciplina inline alpine: lo slalom speciale fatto con i pattini con le ruote in linea, su strade asfaltate, in discesa.

Una ragazza 17enne, di Sovere, a rappresentare l’Italia nella disciplina dell’Inline alpine per la prima edizione dei giochi di tutte e 10 le discipline delle rotelle, che si disputa in Cina. E’ possibile seguire la talentuosa atleta bergamasca, in diretta streaming, sul sito www.rollergames.tv.

Nella delegazione dei 500 atleti azzurri sbarcati a Nanjing (in Cina) per disputare la prima edizione dei World Roller Games (www.rollersports.org/rg-2017), le olimpiadi di tutti gli sport a rotelle, in corso da domenica 27 agosto al 10 settembre, c’è anche Irene Colombo di Sovere.

L’atleta 17enne, tesserata con il club Enjoyski, è stata selezionata dalla Federazione Italiana Sport Rotellistici per la disciplina inline alpine: lo slalom speciale fatto con i pattini con le ruote in linea, su strade asfaltate, in discesa. L’inline alpine è una disciplina nata a fine degli anni ‘90 grazie ad un gruppo di sciatori che ha creduto nella possibilità di utilizzare i pattini in linea per effettuare allenamenti estivi di slalom tra pali snodati, in totale assenza di neve. Questa pratica sportiva, che attende il riconoscimento dal comitato olimpico, vede ai vertici nazionali ed internazionali proprio la talentuosa Irene Colombo che lo scorso anno si è consacrata campionessa europea juniores, in Germania.

Stefano Belingheri, presidente dell’EnjoySki che ha concesso all’atleta bergamasca il visto per seguire la nazionale, capitanata dal DT Massimo Losio, ci ha raccontato come si svolgono le gare di inline alpine. “Il format è lo stesso delle gare di slalom dello sci alpino; ma a differenza dello sci alpino si svolgono su strade perfettamente asfaltate, con una pendenza che varia dal 7% al 15%. I pali snodati vengono inseriti su apposite piastre in metallo e il loro numero varia in base alla lunghezza del tracciato, partendo da 30 unità fino ad arrivare a un massimo di 60”.

Oltre allo slalom speciale, le altre discipline dell’inline alpine a cui prende parte Irene Colombo sono lo slalom gigante, lo slalom parallelo e il Team Race che vede schierato, per l’Italia, il quartetto composto da Irene, i piemontesi Cristian e Massimiliano Losio e la veneta Letizia Turchetto.

“Le gare – ha continuato Belingheri – si svolgono al meglio delle canoniche due manche con sommatoria dei tempi e ricognizione del tracciato a piedi, senza pattini. Alla partenza, viene posizionata una rampa di altezza che varia in base alla pendenza del tracciato, in modo da favorire una maggiore spinta iniziale”.

La 17enne di Sovere, che frequenta il Liceo Scientifico di Lovere e si allena con Nicola Forchini, ci ha raccontato che ha iniziato a praticare questo sport, quattro anni fa, in preparazione alla stagione invernale di sci alpino.

“E’ una disciplina che trasmette molto adrenalina – ci ha confidato Irene – ogni giorno mi porta a provare e raggiungere i miei limiti. Mi permette di confrontarmi con ragazze della mia età, che parlano una lingua diversa dalla mia ma che hanno la mia stessa passione. Mai avrei pensato, quattro anni fa, che questo sarebbe diventato il mio sport e, soprattutto, che mi avrebbe portato cosi lontano, a provare esperienze ed emozioni “mondiali”, a mettermi in gioco per le medaglie che contano. Considero questi Roller games come un’esperienza importante. Difficile puntare ad una medaglia vista la platea di atleti che partecipano ai giochi, ma io darò il meglio di me”.

Tre volte a settimana pattina sulle strade di Endine, di Sovere e in Val Borlezza (sotto Clusone), e proprio in merito al tracciato delle gare di Nanjing, dal punto di vista tecnico la 17enne di Sovere ha spiegato che “la strada è molto stretta e ripida. Presenta due curve impegnative che mettono a dura prova tutti i concorrenti. Io prediligo tracciati filanti e strade con poca pendenza quindi saranno quattro giorni duri, dove dovrò cercare di rimanere concentrata al massimo ed evitare qualsiasi errore. Ci saranno tanti sbagli, anche da parte delle mie avversarie. La mia strategia è quella di scendere cauta ma con la determinazione che mi contraddistingue”.

I numeri per la prima edizione dei World Roller Games, a cui prende parte Irene, rendono l’idea di quanto siano diffuse le discipline a rotelle: 7 campi di gara, 10 discipline, 50 nazioni, 110 eventi, 1.098 medaglie da assegnare per 4.000 atleti. Quasi 500 gli atleti italiani per 9 delle 10 discipline in gara, capitanati dalla campionessa del pattinaggio corsa Francesca Lollobrigida (9 ori, 7 argenti e 5 bronzi iridati in palmares), scelta come portabandiera. Le gare della 17 enne bergamasca, sono sabato, domenica, lunedì e martedì, con la prima manche alle 5 (ora italiana) e la seconda alle 8. Le gare si possono vedere, in diretta streaming, sul sito www.rollergames.tv.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.