BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Dissetante ed energetica: uva da tavola regina del mercato

Questa settimana la regina del mercato ortofrutticolo è sicuramente l’uva da tavola.

Questa settimana la regina del mercato ortofrutticolo è sicuramente l’uva da tavola.

La campagna commerciale della varietà Vittoria volge al termine: ora il palcoscenico è tutto per l’uva bianca Italia, contraddistinta da acini quasi sferici con un colore giallo paglierino dalla polpa croccante. Inoltre, sono disponibili varietà senza semi bianca e rosata e, in questi giorni, è iniziata anche l’offerta della rinomata varietà Pizzutella, che si caratterizza per un’acinatura dalla pezzatura medio-piccola, buccia sottile e un grado zuccherino elevato.

L’andamento climatico estivo ha sicuramente permesso un livello qualitativo elevato penalizzando la produzione in termini di resa ma senza dubbio esaltandone colore sapore e caratteristiche organolettiche. In questi giorni, in concomitanza all’inizio della vendemmia delle vigne bergamasche, comincia l’offerta di uva da vino raccolta in Puglia e Sicilia, anche in questo caso il torrido clima estivo sembra aver favorito la qualità del prodotto a scapito della resa.

Simbolo del passaggio dall’estate all’autunno, l’uva annovera diverse proprietà benefiche per la salute e il benessere dell’organismo. Innanzitutto, è ricca di sali minerali, specialmente potassio, e in quantitativi meno rilevanti manganese, rame, fosforo e ferro. Inoltre, non manca di vitamine (A, B1, B2, C e PP), acqua e zuccheri semplici, facilmente assimilabili.
Grazie alla sua composizione, svolge una funzione dissetante e purificante ma al tempo stesso nutriente, energetica e rimineralizzante.
Ma non è tutto: l’uva è alleata della salute del sistema venoso contro emorroidi e fragilità capillare ed è indicata in caso di anemia e affaticamento, artrite e vene varicose. Secondo alcune ricerche, poi, ha proprietà antiossidanti e anticancro dovute ad alcune sostanze presente nella buccia.

Il consumo di uva, utile per chi soffre di stitichezza o di problemi di circolazione, è consigliato in quantità moderate in caso di obesità e diabete, a causa dell’apporto zuccherino.

Apprezzata da grandi e piccini, in cucina può essere consumata al naturale, oppure utilizzata per preparare macedonie di frutta fresca e dessert, come torte e biscotti. Inoltre, si adopera per accompagnare primi piatti (risotto e pastasciutta) e secondi di carne o pesce, ma anche come contorno per gustosi taglieri di formaggi.

In ambito cosmetico, invece, l’uva ridotta in puré, applicata sulla pelle di viso e collo, ha un’azione astringente e rivitalizzante. Un consiglio: al momento dell’acquisto è utile prestare attenzione agli acini, che devono essere maturi, di colore uniforme, ben attaccati al graspo (cioè al gambo e alle ramificazioni) ed è preferibile che quest’ultimo sia verde. Se sulla buccia è presente una polverina bianca che la rende opaca è sinonimo di freschezza: infatti, è prodotta dal frutto per proteggersi dal calore.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo si nota che sono in deciso rialzo le quotazioni di kiwi neozelandese. Le stime di uno dei più autorevoli distributore evidenziano giacenze inferiori alle aspettative e quindi da qui sino all’arrivo del prodotto nazionale, per il quale si dovrà attendere almeno ancora circa 50 giorni, gli arrivi di merce estera potrebbero ulteriormente frammentarsi.

Dalla Sicilia sembra iniziare con il piede giusto l’offerta di fichi d’india, oltre ai quali in quantità decisamente minime arriva anche dell’ottima frutta esotica (passion fruit, mango e lichis), il clima lo permette e qualche “giovane” produttore cerca giustamente di diversificare il proprio assortimento.
Sempre la Sicilia, attualmente è in grado di offrire le migliori pesche e nettarine, varietà tardive che non fanno rimpiangere il miglior prodotto sinora assaggiato.
Intanto, s’intensificano gli arrivi di mele e pere del nuovo raccolto. In entrambi i casi per le singole varietà attualmente disponibili, la violenta selezione naturale causata dall’andamento climatico poco favorevole durante la maturazione ha caratterizzato una qualità eccellente del raccolto.

È sostanzialmente terminata l’offerta di angurie, anche se fino ad ora il clima ancora decisamente caldo ha spinto i consumi sino alla fine, mentre per i meloni, perlopiù ancora di origine mantovana, la produzione sembra ancora in grado di offrire un buon prodotto con quantitativi ancora di primissimo rilievo.
Passando al comparto orticolo, dopo la brusca impennata dei prezzi rilevata la scorsa settimana si registrano quotazioni tendenti al ribasso per i fagiolini tipo Boby. Risulta in diminuzione anche i valori di mercato delle zucchine, mentre crescono di qualche decina di centesimo di euro al kg le quotazioni dei finocchi. Per questi ultimi l’eccessivo caldo estivo pare aver compromesso qualità e quantità dei raccolti degli areali produttivi più significativi su scala nazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.