BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maltratta e picchia la convivente mandandola in ospedale: arrestato 30enne

I due, conviventi da alcuni mesi, abitavano in un appartamento a Covo. La donna non aveva mai denunciato

È stato arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate il marocchino pregiudicato 30enne, già sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora per questioni di droga.

L’uomo, giovedì 31 agosto, ha picchiato selvaggiamente la compagna, un’ucraina 35enne, di professione badante. I due, conviventi da alcuni mesi, abitavano in un appartamento a Covo.

Il loro rapporto relazionale sarebbe comunque stato sin dall’inizio piuttosto conflittuale, come appunto ricostruito dai Carabinieri della Stazione di Romano di Lombardia. La donna non aveva tuttavia mai fatto denuncia sulla propria condizione di reiterata vessazione e violenza subita dal partner. Ma a seguito dell’ennesima aggressione, giovedì pomeriggio l’ucraina è dovuta ricorrere alle cure mediche avendo difatti subito contusioni multiple con una prognosi di ben 25 giorni. Già in precedenza, alcune settimane fa, in un analogo episodio di brutale violenza, la vittima dei maltrattamenti aveva riportato 15 giorni di prognosi, anche in questo caso però il tutto non seguito da alcuna denuncia.

Questa volta un testimone occasionale ha allertato i Carabinieri, avendo incidentalmente assistito su strada alla condotta violenta del magrebino nei confronti della compagna. Da qui sono scattate le indagini da parte degli investigatori dell’Arma. Pur in assenza di una denuncia formale, i militari hanno acquisito elementi di prova che hanno poi consentito di arrestare il 35enne, procedendo quindi direttamente d’ufficio. Si parla di minacce, ingiurie ed aggressioni fisiche varie, anche con armi improprie come bastoni oltre che calci e pugni. Si parla anche di minacce con il coltello.

Il marocchino, dopo il relativo arresto in flagranza, su disposizione del PM di turno, è stato associato al Carcere di Bergamo, dove tuttora si trova. Nei prossimi giorni sarà sottoposto ad udienza di convalida ed interrogato davanti al GIP.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.