BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Migranti: crollo degli sbarchi, e a Bergamo arrivi in calo del 60%

Si fanno sentire gli effetti del nuovo regolamento sulle Ong e la diversa strategia adottata da Tripoli. In provincia di Bergamo accoglienza per 44 persone durante il mese di agosto: l'anno scorso erano 113

Con l’introduzione del nuovo regolamento sulle Ong e la diversa strategia adottata da Tripoli è crollato il numero degli sbarchi. A certificarlo sono i numeri forniti dal ministero degli Interni, che a livello nazionale hanno fatto registrare un calo importante, quasi vertiginoso: se erano 21.294 i richiedenti asilo arrivati in Italia nell’agosto 2016, sono 3.906 quelli giunti sulle coste dal primo al 31 agosto 2017.

E se gli arrivi calano al sud dello Stivale, inevitabilmente succede lo stesso anche nelle province del nord Italia, dove i richiedenti asilo trovano accoglienza dopo la lunga traversata in mare. Basti pensare che alla provincia di Bergamo, durante l’agosto 2017, sono stati assegnati “soltanto” 44 profughi, mentre esattamente un anno fa (agosto 2016) se ne vedevano arrivare 113. Un calo di poco superiore al 60% che dimostra come la cura Minniti – per ora – stia dando i suoi risultati.

A livello nazionale – e di riflesso anche regionale e provinciale – il numero degli sbarchi ha cominciato a decrescere a partire dal mese di luglio, che si configura come vero e proprio spartiacque: confrontando i primi otto mesi del 2017 con quelli dell’anno precedente, si scopre che sono circa 16mila i migranti in meno approdati sulle sponde del Mezzogiorno (115.068 contro 99.119).

In termini di distribuzione dei migranti, invece, la Lombardia rimane la regione con la percentuale di presenze più alta: il 13% del totale, con le province di Milano, Brescia e Bergamo in testa a fare da traino.

GUARDA I NUMERI DEL MINISTERO DELL’INTERNO

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.