BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mutui e rate, ogni mese i bergamaschi spendono 403 euro

In provincia di Bergamo l'indebitamento medio è di 44mila euro

Più informazioni su

In provincia di Bergamo l’indebitamento medio è di 44mila euro, 44.407 a voler essere precisi. Nel 28,4% dei casi è dovuto a mutui, nel 29,1% a prestiti personali e nel 42,5% per prestiti finalizzati all’acquisto di beni come auto, moto, elettronica ed elettrodomestici, articoli di arredamento e viaggi. Per restituire i soldi ricevuti in prestito e i relativi interessi ogni residente nella provincia di Bergamo paga una rata media mensile di 403 euro. Nel 28,4% dei casi l’indebitamento è dovuto a mutui, nel 29,1% a prestiti personali e nel 42,5% per prestiti finalizzati all’acquisti di diversi beni.

I dati emergono dallo studio del Crif, società specializzata in sistemi di informazioni creditizie. In particolare la Mappa del Credito è realizzata da Mister Credit – l’area di Crif che si occupa dello sviluppo di soluzioni e strumenti educational per i consumatori. Il 37,4% della popolazione maggiorenne, in Lombardia, ha almeno un rapporto di credito attivo. Bergamo, con una quota pari a 34,8%, è tra le più basse della regione. La percentuale scende a Brescia (34,7%), Mantova (34,1%) e Sondrio (24,9%).

A livello nazionale lo studio evidenzia che nel primo semestre oltre un terzo degli italiani, il 35,4% del totale della popolazione maggiorenne (in crescita del 4,1% rispetto a un anno fa), registra almeno un contratto con indebitamento rateale attivo e, a livello pro-capite, mensilmente rimborsa 356 euro. Inoltre, mediamente i soggetti attivi nel credito risultano avere un indebitamento residuo pari a 34.114 euro.

Con 42.957 euro pro-capite che ancora devono essere rimborsati la Lombardia, per quanto riguarda l’indebitamento medio, è al primo posto nazionale, segue il Trentino Alto Adige con 40.827 e l’Emilia Romagna con 39.571. A livello regionale, si registra l’indebitamento medio più elevato a Milano, con 52.139 euro, seguita da Monza e Brianza con 47.070 euro e Sondrio con 46.411 euro.
Tornando a Bergamo, relativamente alle forme di finanziamento più diffuse risultano al primo posto i prestiti finalizzati (destinati all’acquisto di beni e servizi quali auto, moto, elettronica ed elettrodomestici, articoli di arredamento, viaggi) che hanno un peso in termini di numerosità pari al 42,5% sul totale. Al secondo posto troviamo i prestiti personali, che si legano alla rinnovata progettualità delle famiglie in uno scenario di progressivo miglioramento del quadro economico generale, con una incidenza pari al 29,1%. Infine la componente dei mutui per acquisto di abitazioni, che si caratterizzano per una incidenza del 28,4,% sul totale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.