BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Simone Brevi, un bergamasco nell’inferno dell’uragano in Texas: “Intrappolati in casa” foto

Simone Brevi, amministratore delegato della Omb Valves Spa di Cenate Sotto si è trasferito là con la famiglia: "Stiamo bene, ma ho visto scene apocalittiche"

Non si placa la situazione in Texas dove, dopo l’uragano Harvey e cinque giorni di inondazioni, le previsioni parlano ancora di piogge nelle prossime ore, per quella che viene considerata una delle catastrofi naturali più disastrose della storia degli Stati Uniti. Mentre il bilancio delle vittime è di almeno diciotto morti, le autorità locali spiegano che non si può ancora avere un’idea chiara di quante siano le persone disperse e quelle ancora bloccate e intrappolate.

Nell’inferno di Houston c’è anche un bergamasco. Simone Brevi, 51 anni (compiuti proprio ieri, Ndr), amministratore delegato della Omb Valves Spa di Cenate Sotto, holding del gruppo Omb, che da un paio di mesi ha perfezionato l’acquisto del ramo d’azienda della divisione Vogt Valves di Flowserve Corporation. La società americana ha sede proprio in Texas, dove Brevi si è trasferito con la famiglia, la moglie e tre figli di 17, 15 e 3 anni.

Brevi, dove si trova esattamente?

“Io vivo a sud-est, precisamente a Sugar Land, a circa quattro chilometri dalla fabbrica”

La ditta è ancora aperta?

“Da venerdì scorso abbiamo mandato a casa gli operai e abbiamo chiuso. Io sarei dovuto tornare in italia nel weekend scorso per altri impegni lavorativi, ma non ho potuto in quanto hanno bloccato tutti gli aeroporti e cancellato i voli”

Ora come sta andando?

“Qui la situazione è un inferno. In pratica siamo intrappolati in casa. Anche se devo dire che erano un po’ tutti preparati. In ogni caso il momento non è facile”

L’uragano è stato forte?

“Molto. Oltre a quello dobbiamo fare i conti con la pioggia. Per intenderci, è un po’ come quando a Bergamo arriva un temporale forte in estate. La differenza è che qui non è durato un paio d’ore, ma quattro giorni. In un giorno e mezzo, ad esempio, sono caduti settanta centimetri di acqua. Comunque stiamo bene, noi come gli altri italiani che sono qui. Anche se siamo costretti a rimanere in casa”

E nel resto della città come va?

“Qui è tutta pianura. Con due fiumi artificiali a ovest e a est della città, realizzati appositamente per cercare di contenere queste inondazioni. Ho saputo che l’acqua ha raggiunto i quindici metri di altezza”

Intanto si contano già diciotto morti…

“Il numero delle vittime secondo me è destinato a salire, considerate le auto coperte da fango che ci sono in strada. Per non parlare dei danni: le case sono di cartongesso, quelle che si trovano ai piani bassi si sono allagate e saranno ingenti”

Nel frattempo in Texas sono arrivati anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e sua moglie Melania. “Siamo una grande e sola famiglia americana. Alle persone di Texas e Louisiana dico che siamo al 100% con voi”, ha detto il leader Usa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.