BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giovani donne con bimbo cercano di rubare occhiali, sorprese picchiano la titolare del negozio

Sono state arrestate in flagranza dai carabinieri della compagnia di Treviglio

Ha creato panico il furto con successive botte date alla titolare in un negozio di ottica del centro di Brignano Gera d’Adda martedì mattina.

Ma sono state arrestate in flagranza di reato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio le due giovani donne, rispettivamente di 24 e 21 anni, autrici del grave episodio criminoso. Le due donne, in compagnia tra l’altro di un bambino di pochi anni, figlio di una di loro, dopo essere entrate nel negozio, hanno sottratto un paio di occhiali da sole del valore commerciale di circa 200 euro.

La titolare le ha scoperte, riconoscendo una di loro come la probabile autrice di un precedente furto simile avvenuto solo alcuni giorni prima. Le donne hanno così minacciato e percosso violentemente la commerciante con schiaffi e calci. La commerciante è dovuta poi ricorrere alle cure mediche in ospedale a Treviglio (ha riportato sei giorni di prognosi).

Stessa sorte, con 5 giorni di prognosi per le lesioni subite, è toccata ad un’altra donna intervenuta in aiuto della titolare del negozio durante le fasi concitate della brutale aggressione.

Le due donne, con alle spalle già altri precedenti penali anche per reati contro il patrimonio, hanno anche tolto di mano il cellulare alla titolare per impedirle di chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Hanno quindi minacciato reiteratamente di ritorsioni la commerciante, sia personali che contro il negozio.

La titolare del negozio di ottica è comunque riuscita a dare l’allarme al “112”.

Da lì a poco sono difatti intervenute più pattuglie dei carabinieri, sia da Treviglio che da Urgnano, oltre che della polizia locale di Brignano Gera d’Adda. I militari dell’Arma hanno così fermato le donne e accompagnate in Caserma a Treviglio: qui hanno continuato a dare in escandescenze, facendo tra l’altro leva sul bambino in loro compagnia.

In serata entrambe sono state così arrestate con la grave accusa di concorso di persone in rapina aggravata e lesioni personali aggravate.

Su disposizione del pm di turno sono state infine sottoposte agli arresti domiciliari, qui nella Bassa Bergamasca dove appunto abitano, in attesa dell’udienza di convalida davanti al gip di Bergamo che si celebrerà nei prossimi giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.