BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quel fischio fastidioso nella testa: scoperta la causa dell’acufene

Anche voi soffrite di questi rumori strani e fastidiosi che risuonano nelle orecchie e nella testa? Sono gli acufeni e adesso sembra esserci una importante novità.

Più informazioni su

Anche voi soffrite di questi rumori strani e fastidiosi che risuonano nelle orecchie e nella testa? Sono gli acufeni e adesso sembra esserci una importante novità.

Alcuni ricercatori dell’Università dell’Illinois hanno infatti scoperto che l’acufene cronico, il rumore come un fischio continuo che sente chi ne soffre, è associato ai cambiamenti in alcune reti nel cervello, determinando il fatto che questo rimanga sempre in modalità di attenzione senza poter andare in riposo.

In sostanza è stato verificato non solo come questo continuo e fastidioso disturbo abbia una base organica ma è stato anche provato che incide negativamente sulla qualità della vita, impedendo al nostro cervello di mettersi in pausa.

La ricerca, pubblicata su ”NeuroImage: Clinical”, ora apre alla speranza di future nuovi trattamento di questo disturbo che secondo diversi studi nel mondo colpisce fra il 10 e il 30% della popolazione. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale per creare dei modelli sulla funzione e sulla struttura del cervello, il nuovo studio ha scoperto che l’acufene è in una regione del cervello chiamata precuneo.

Con le nuove tecniche e con questa particolare ricerca è emerso che il precuneo dei pazienti con acufene è modificato, più connesso alla rete di attenzione e meno connesso alla rete che lo mette in ‘pausa’.

Tutto questo si traduce nel fatto che i pazienti con acufene non sono veramente riposati, anche quando si riposano, ”e ciò potrebbe spiegare perché molti riferiscano di essere stanchi più spesso”. Inoltre, in questo modo, il cervello rimane anche più concentrato sul fastidioso fischio che accompagna ogni momento del giorno e della notte, con l’effetto paradossale di peggiorare la concentrazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.