BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Due partite, zero punti: ma l’Atalanta può guardare avanti con ottimismo

Il doppio ko con Roma e Napoli non inganni: i nerazzurri devono solo trovare lo smalto migliore per tornare ad essere quelli della passata stagione

E’ vero, il campionato dell’Atalanta è iniziato con due sconfitte. Ma non è certo il caso di strapparsi i capelli, perché i segnali positivi non mancano di certo. Prima di tutto va detto che, storicamente e statisticamente, le squadre di Gian Piero Gasperini faticano nelle prime giornate: a Bergamo, i tifosi lo hanno scoperto una stagione fa, con tre punti nelle prime cinque partite e il quarto posto finale.

Non solo. Si poteva intuire, ma adesso è una certezza: la squadra ha molte più alternative rispetto agli anni passati e i nuovi arrivati hanno piacevolmente stupito. Gosens, con il tempo, potrebbe strappare la maglia da titolare a uno Spinazzola sempre più ai margini (anche domenica in tribuna). Certo, deve ancora trovare il giusto feeling con il Papu Gomez, ma la sosta aiuterà anche in questo senso.

Positivo anche l’ingresso all’intervallo di Marten de Roon, come contro la Roma: l’olandese deve ancora entrare perfettamente nei meccanismi di Gasperini, ma è sembrato lo stesso centrocampista che ha fatto innamorare Bergamo due campionati fa. Ma tralasciando i singoli, anche sotto l’aspetto del gioco le note positive non mancano. L’Atalanta è passata in vantaggio al San Paolo, gestendo la partita con pochi rischi nonostante l’avversario.

Solo una magia poteva ribaltare la situazione e così è stato, senza il gol straordinario di Zielinski, forse sarebbe stata una partita diversa. La sensazione è che questa squadra possa giocarsela davvero con tutte, se contro Roma e Napoli sono arrivati zero punti, non c’è da rammaricarsi: sono pur sempre due squadre che puntano a vincere lo scudetto.

Anche in Europa League, quindi, nulla è già scritto. Lione ed Everton non hanno convinto nel week-end (francesi fermati sullo 0-0 dal Nantes di Ranieri, Rooney e compagni sconfitti dal Chelsea), restano due sfide difficili, ma sarà solo il campo a dirci qual è la verità. Nel frattempo la squadra tornerà al lavoro martedì a Zingonia: all’orizzonte la partita con il Sassuolo e l’esordio europeo a Reggio Emilia, contro l’Everton.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.