BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Andy Warhol piace ai più piccoli, meglio dei cartoon

Mia figlia è rimasta particolarmente colpita dalle facce di Marilyn Monroe e mi viene da dire che le future generazioni potrebbero conoscerla non per aver visto i suoi film, ma perché ritratta da Andy Warhol.

Uno degli artisti più famosi del XX secolo e l’esponente più illustre della Pop Art. Ho visto non so quante volte delle opere di questo artista, in personali o mostre collettive, dal vivo sono sempre più d’impatto che in una foto, alcuni lavori sono anche di una certa grandezza e se non vengono visti nelle loro reali dimensioni, non si riesce a cogliere la totalità del senso espresso da Warhol sulle sue tematiche di commerciabilità, arte rielaborata, arte fruibile e comprensibile, consumismo e società…

Ma sono qui per parlare di Andy Warhol adatto ai più piccoli. Le opere di questo artista sono molto colorate, semplici e interessanti per un bambino. Oltre alle facce delle star, ha creato serigrafie di mucche, fiori, camion, bottigliette di Coca Cola, ecc.

Attraverso queste simpatiche immagini possiamo anche spiegare ai piccoli la tecnica usata dall’artista, qualcosa di differente dal classico pennello!

Andy Warhol nasce come grafico pubblicitario e questa è la base di partenza per la sua carriera artistica, fotografia annessa. L’idea di poter produrre in serie qualcosa, lo fa utilizzare la tecnica serigrafica, con spunti personali, ad esempio l’utilizzo di materiali diversi come la sabbia o la polvere di diamanti ed in particolare i ritocchi finali fatti a mano con il pennello. Perché era anche un gran pittore ed infatti, insieme a Basquiat, riscopre il piacere del dipingere in modo tradizionale, a 4 mani, e ne escono delle tele strepitose.

andy warhol

A metà degli anni Sessanta, Warhol passa dalla tecnica della serigrafia su tela ai “Multipli”. I fogli ripetuti assumono però caratteristiche di unicità per via delle differenti gamme cromatiche.

Mia figlia è rimasta particolarmente colpita dalle facce di Marilyn Monroe e mi viene da dire che le future generazioni potrebbero conoscerla non per aver visto i suoi film, ma perché ritratta da Andy Warhol. Devo aggiungere che pagando, Warhol creava questo tipo di ritratto a chiunque, invidio tantissimo chi, a suo tempo, ebbe questa fantastica opportunità!

E cosa ne pensa di Warhol un bimbo di due anni? Il mio birbante ha apprezzato Elvis che ha in mano uno pistola, si è messo a fare il cowboy in giro per il salotto sparando all’impazzata!

Potrà sembrare stupido, ma invece di un cartone, a volte, faccio vedere le opere di questi grandi artisti ai miei bambini e tutto sommato credo che servono e serviranno a qualcosa. Io di sicuro mi diverto e loro immagino stiano assimilando notizie, immagini, brevi istanti artistici che potranno arricchirli, mi auguro, aprirgli la mente e forse il loro cuore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.