BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta sfida Lione ed Everton: i nomi spaventano ma l’impresa è possibile

I nerazzurri, inseriti nel girone di ferro che comprende anche i ciprioti dell'Apollon Limassol, possono guardare con altri occhi il sorteggio: i francesi hanno perso le loro stelle e gli inglesi, pur avendo riabbracciato Rooney, hanno faticato tantissimo nelle qualificazioni.

Con il sorteggio di venerdì a Montecarlo è iniziata ufficialmente l’Europa League per l’Atalanta, ventisei anni dopo.

L’urna non è stata per niente benevola con i nerazzurri, dando vita ad un girone di fuoco con Lione, Everton e Apollon Limassol. Conosciamo meglio, quindi, le squadre che i nerazzurri si troveranno di fronte a partire dal 14 settembre, con un unico obiettivo: volare ai sedicesimi di finale.

Erano forse due le squadre da evitare dalla prima fascia: l’Arsenal e il Lione. All’Atalanta toccheranno i francesi, che a maggio ospiteranno proprio la finale dell’Europa League. Una sfida difficile, ma non impossibile. Il calciomercato estivo ha visto la formazione di Bruno Génésio perdere due elementi fondamentali della scorsa stagione: Tolisso, andato al Bayern Monaco, e Lacazette, trasferitosi all’Arsenal. Questo non mette in dubbio le doti dell’OL, una squadra rinata negli ultimi due decenni, acquisendo inoltre una forte esperienza internazionale. Lo scorso anno fu eliminata dall’Europa League in semifinale, dall’Ajax poi sconfitto in finale dal Manchester United. Da non sottovalutare le qualità di due fantasisti come Fekir e Depay, ma l’intensità di gioco dell’Atalanta può mettere in seria difficoltà una difesa non certo imperforabile.

Se dalla prima fascia andava evitato il Lione, dalla seconda sarebbe stato meglio non pescare l’Everton. Una squadra giovane, atletica, veloce. Con una stella al centro dell’attacco: Wayne Rooney, tornato a casa dopo tredici stagioni con il Manchester United. Gli uomini di Koeman sono stati la sorpresa della scorsa Premier League, qualificandosi all’Europa League grazie ad una lunga serie di preliminari. Il nome può spaventare, ma va sottolineato che gli inglesi non hanno avuto vita facile nei play-off contro l’Hajduk Spalato. Da considerare anche la trasferta nella splendida cornice di Goodison Park, a Liverpool. Ma prima l’esordio assoluto, a Reggio Emilia, proprio contro i Toffees. Una partita che, oltre il risultato, sarà certamente da ricordare.

Per quanto riguarda la terza fascia, invece, l’Atalanta ha pescato i ciprioti dell’Apollon Limassol, da tutti considerato la squadra materasso del Gruppo E. Tutto vero, sulla carta le qualità tecniche della rosa sono nettamente inferiori a quelle delle tre restanti squadre. Ma occhio alle insidie, che in questo genere di partite sono sempre dietro l’angolo. L’errore più grande sarebbe quello di sottovalutare un avversario che sicuramente scenderà in campo con nulla da perdere, quindi con tanta voglia di stupire e lasciare il segno in un raggruppamento decisamente complicato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.