Sparatoria a Trescore: arrestato un quinto protagonista, latitante dall'8 agosto - BergamoNews
L'operazione

Sparatoria a Trescore: arrestato un quinto protagonista, latitante dall’8 agosto

I Carabinieri della Compagnia di Bergamo hanno individuato alle prime luci dell’alba Giorgio Nicolini.

A seguito della sparatoria avvenuta durante il primo pomeriggio dell’8 agosto in Trescore Balneario (leggi), che ha visto protagonisti esponenti di due delle principali famiglie Rom della provincia di Bergamo, come si ricorderà erano stati tratti in arresto in flagranza di reato quattro persone di età compresa tra i 24 e i 40 anni, tre dei quali di etnia Rom e uno di nazionalità italiana, ritenuti
responsabili di aver dato luogo e partecipato a vario titolo alla violenta rissa, nonché di essere responsabili dell’esplosione di numerosi colpi di armi da fuoco e al momento detenuti presso la Casa Circondariale di Bergamo.

Da quella data, attraverso una incessante attività di monitoraggio, effettuata anche attraverso servizi di appostamento, i Carabinieri della Compagnia di Bergamo hanno individuato alle prime luci dell’alba Giorgio Nicolini, irreperibile dal giorno della sparatoria, e indagato per tentato omicidio, nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita nella sua abitazione, già oggetto di precedenti controlli, ove si era rifugiato nella convinzione di essere al sicuro.

Sottoposto al fermo di indiziato di delitto è attualmente detenuto nella Casa Circondariale di Bergamo.

Rivedi il video della sparatoria

Più informazioni
leggi anche
  • Le indagini
    Come in un film, le riprese della sparatoria di Trescore: 10 minuti di terrore
  • Le indagini
    Trescore, paura dopo la sparatoria: 4 arrestati, tutti di una famiglia rom
  • Martedì pomeriggio
    Trescore, sparatoria in piazza del mercato: un ferito e tre fermi
  • Le indagini
    Sparatoria in piazza a Trescore: 4 le pistole utilizzate dalle cosche rivali
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it