BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scacco Bratto, in 200 per vincere la 37ª edizione dell’Open di scacchi foto

Festival Internazionale “Conca della Presolana”. A Bratto in 200 per vincere la trentasettesima edizione dell’Open di scacchi.

Gli scacchi sono uno sport che ha affascinato da sempre un grande numero di persone, tant’è che la sfida fra Boris Spasskij  e Bobby Fischer segnò le sorti della Guerra Fredda. A Bratto, presso l’Hotel Milano, dal 1978, nella quarta settimana di agosto, numerosi scacchisti provenienti da tutto il mondo si sfidano fra loro per vincere il celebre festival internazionale “Conca della Presolana”, uno dei tornei scacchistici più famosi in Italia e noto anche come “open Scacco Bratto”.

Organizzato dalla Società Scacchistica Milanese, il festival giunge quest’anno alla trentasettesima edizione e vedrà in gara dal 19 agosto ben quattro categorie, con 200 iscritti provenienti da Francia, Olanda, Germania, Lettonia, Albania, Croazia, Serbia, Grecia, Mongolia, Svizzera , Filippine, oltre che dall’Italia.

A sfidarsi le giovani promesse della categoria “under 16”, i giocatori delle categorie “Open A”, “Open B” e “Open C” e gli atleti della categoria “Magistrale”. In quest’ultimo torneo diviso su nove turni, vedranno affrontarsi 70 fra grandi maestri ed maestri internazionali in possesso di un punteggio ELO superiore a 2000. Fra i partecipanti più illustri troviamo l’italiano Alberto David, campione italiano oltre che numero uno del tabellone,il lettone Evgeny Sveshnikov, campione del mondo seniores oltre che teorico di fama mondiale, il filippino Jayson Gonzales ed il croato Miso Cebalo, anch’esso già campione del mondo seniores.

A corredare le competizioni principali, tornei di quadriglia e rapid Fischer Random, oltre a lezioni di scacchi che verranno tenute da alcuni grandi maestri. Il torneo si chiuderà il 27 agosto quando presso l’Hotel Milano di Bratto verranno definiti i vincitori e chi lo sa se che un giorno uno di loro non divenga l’erede di Spasskij e Fischer.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.