BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli deve 150mila euro da 10 anni, lui lo minaccia con pistola: “Ero stufo”, scarcerato

Domenica sera le minacce per quei soldi mai avuti indietro. Convalidato l’arresto ma solo per il porto d’armi, senza misure cautelari

Più informazioni su

“Sono dieci anni che attendo quei 150mila euro che mi deve, sono esasperato anche perchè mi sono sentito preso in giro. Comunque so di aver fatto una stupidaggine e sono pentito”. Ha provato a giustificarsi così di fronte al giudice il pensionato di 77 anni, di Villa d’Ogna, a processo per direttissima con l’accusa di porto abusivo d’armi ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Domenica sera l’anziano, per un debito non onorato, ha cercato di farsi giustizia da solo. L’obiettivo era riavere quei risparmi di una vita, che un giorno aveva prestato a un imprenditore di 59 anni di Alzano Lombardo, in difficoltà economiche, con la promessa che nel giro di poco li avrebbe riavuti: 150mila euro in totale.

Ma dopo dieci anni, in cui l’anziano è stato raggirato dall’imprenditore con false promesse, cambiali, assegni in bianco, pezzi di carta di nessun valore, ancora nulla. Così il 77enne, stufo di essere preso in giro, ha deciso di recarsi agli Spiazzi di Gromo, in Valle Seriana, dove il debitore ha una casa di villeggiatura.

Tra i due è nata una discussione, e quando l’uomo si è rifiutato di restituire la somma, il pensionato l’ha minacciato con la sua pistola, una Beretta regolarmente detenuta ma solo per uso sportivo. L’anziano, impugnando l’arma, avrebbe chiesto i soldi che gli doveva, ma davanti all’ennesimo diniego, gli avrebbe detto di uscire di casa per regolare la questione.

La moglie dell’imprenditore, impaurita, ha chiamato i carabinieri e sul posto sono intervenute due pattuglie della compagnia di Clusone, che hanno arrestato l’uomo. Il 77enne, difeso dall’avvocato Marco Cortinovis, mercoledì mattina è stato scarcerato: convalidato l’arresto ma solo per il porto d’armi, senza misure cautelari. Il processo è stato aggiornato al 12 settembre.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.