Furgone investe la folla sulla Rambla a Barcellona: morti, Isis rivendica - BergamoNews
Terrorismo

Furgone investe la folla sulla Rambla a Barcellona: morti, Isis rivendica

Dodici vittime, non si escludono italiani. Arrestati due attentatori.

E’ successo nel pomeriggio di giovedì, intorno alle 17: un furgone ha travolto decine di persone in centro a Barcellona. 12 morti, secondo le prime informazioni della polizia. Non si escludono vittime italiane.

Arrestati due attentatori: l’uomo che era al volante del furgone e un complice.

I media, ma anche la polizia, parlano di attentato terroristico di matrice islamica. È in serata l’Isis lo rivendica.

L’attacco è avvenuto sulla Rambla de Catalates, nella parte più vicina alla grande Plaza de Catalunya.

Il furgone, di colore bianco, si sarebbe schiantato su uno dei chioschi che si trovano sul marciapiede che separa le corsie della Rambla destinate alle auto.

Sono state chiuse le stazioni del metro e le ferrovie e anche tanti negozi della zona hanno abbassato le saracinesche.

“Ero in un negozio, le altre 4 persone che erano con me si sono trovate dietro il furgone che andava addosso alla gente nella zona pedonale. La folla correva”, racconta all’Ansa Chiara, una ragazza italiana testimone di quanto sta accadendo a Barcellona, e che ha trovato rifugio in un negozio della Rambla. “Adesso non ci fanno uscire, sentiamo che fuori c’è la polizia, ma da qui non vediamo niente”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it