Baite di Mezzeno, in due giorni due morti di 43 e 60 anni: tragica fatalità - BergamoNews
Roncobello

Baite di Mezzeno, in due giorni due morti di 43 e 60 anni: tragica fatalità

Drammatica coincidenza a cavallo di Ferragosto per due uomini impegnati in escursioni sulle montagne della Val Brembana

Due morti per malore in due giorni, nella stessa zona, alle baite di Mezzeno. È la tragica coincidenza che a cavallo di Ferragosto ha colpito due uomini impegnati in escursioni sulle montagne della Val Brembana. Entrambi, una volta terminata la passeggiata e raggiunta la località a 1600 metri di altezza, nel territorio di Roncobello, si sono sentiti male e sono spirati.

Il primo episodio pochi minuti prima delle 11 di martedì 15 agosto, quando Maurizio Macetti, un 43enne bergamasco, è morto dopo essere stato colto da un infarto una volta conclusa l’escursione insieme alla moglie. Per i soccorsi si è reso necessario l’intervento dell’elicottero del 118, alzatosi in volo da Sondrio: purtroppo per l’uomo, non c’è stato nulla da fare. I sanitari hanno tentato di rianimarlo, senza successo.

Il secondo dramma intorno alle 10 di mercoledì, quando è deceduto un 60enne comasco, di cui ancora non si conoscono le generalità. L’uomo aveva da poco terminato una passeggiata con un amico, che quando l’ha visto accasciarsi al suolo ha tentato di rianimarlo. Purtroppo senza successo. Come a nulla è valso l’intervento del personale medico a bordo di un mezzo dell’elisoccorso di Como.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Zogno guidati dal capitano Andrea Pietracupa, che dopo i rilevi hanno appurato che in entrambi i casi si è trattato di un malore. Una tragica fatalità, quindi, che ha colpito una delle località più frequentate dagli escursionisti bergamaschi e non, in particolare in questi giorni di caldo e di ferie, per trascorrere qualche ora al fresco delle vette brembane. Le baite di Mezzeno sono il punto di partenza per le escursioni verso il sentiero dei Laghi Gemelli.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it