BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Emergenza migranti, Minniti: “Vedo la luce in fondo al tunnel”

Il ministro dell'Interno: "Nei primi setti mesi dell'anno abbiamo il quadro di un Paese accogliente, con livelli buoni di sicurezza"

Più informazioni su

“Abbiamo esaminato la situazione dell’ordine pubblico, è tranquilla”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Marco Minniti, che ha presidiato il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Ferragosto. “Nei primi setti mesi dell’anno – ha continuato – abbiamo il quadro di un Paese accogliente, con livelli buoni di sicurezza”. Il fenomeno migranti resta un’emergenza, ma, ha detto il numero uno del Viminale, “vedo la luce in fondo al tunnel”.

Esaminando il fenomeno migratorio, Minniti ha detto che “il quadro non è congiunturale ma epocale: i dati ci dicono che abbiamo una lieve flessione rispetto ai dati dello scorso anno. I fenomeni risentono di moltissime variabili, quindi serve cautela per approcciare i dati. Non commentavo i dati con flussi positivi e non li commento ora. Faremo un bilancio poi. . Il principio fondamentale è la sicurezza dei cittadini, noi dobbiamo governare e non subire i flussi. Deve essere questo l’obiettivo di un grande Paese”.

Il leader del Viminale ha però di vedere “una luce in fondo al tunnel” sul fronte migranti e ha spiegato: “Come è stato per i Balcani, anche nel Mediterraneo centrale e occidentale l’Europa deve affrontare la sfida unita e mettendo in campo risorse adeguate perché si è dimostrato che attraverso una azione coordinata è difficilissimo ma non impossibile” risolvere i flussi dei migranti. “Siamo ancor sotto il tunnel, è lungo, ma per la prima volta io incomincio a vedere la luce alla fine del tunnel. Non so se sono troppo ottimista ma l’auspicio è che si possano affrontare i flussi con impegno, il coordinamento, la passione civile di un grande paese”.

Ha infine assicurato: “Rispettiamo le due Ong che non hanno firmato il Codice. Crediamo ci debba essere un rapporto di fiducia tra il dispositivo di sicurezza e salvataggio nazionale e le Ong”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.