BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Italbasket, la miglior Italia stende la Turchia 75-53

Un’Italia molto più convincente rispetto a quella opaca vista contro la Finlandia batte nettamente la Turchia 73-53, facendo così suo il torneo “Sardegna a Canestro” e rispondendo sul campo alle critiche sorte nel post partita di venerdì sera.

Più informazioni su

Un’Italia molto più convincente rispetto a quella opaca vista contro la Finlandia batte nettamente la Turchia 73-53, facendo così suo il torneo “Sardegna a Canestro” e rispondendo sul campo alle critiche sorte nel post partita di venerdì sera.

Test importante per i ragazzi di coach Messina, che per la prima volta si trovano di fronte un’avversaria di livello; avversaria che, però, non è certamente imbattibile, considerata la sconfitta subita sabato sera (82-73 contro la Finlandia) in una gara che la vedeva come favorita.
I turchi, privi della loro stella Ersan Ilyasova, neo acquisto degli Atlanta Hawks, si presentano al PalaPirastu con una squadra di tutto rispetto: basti pensare a Osman, che ha appena firmato un contratto con i Cavaliers, a Guler, neo compagno di squadra di Datome al Fenerbahce, a Dixon, a Korkmaz,…

Gli azzurri partono forte sin da subito, come coach Messina aveva chiesto: dopo soli 4’ di gioco Sarica chiama un time out, poiché il punteggio recita 14-4 per Datome e compagni, con evidenti problemi offensivi e difensivi per i turchi. Il primo quarto finisce 24-13 in favore dell’Italia, che mette in mostra la miglior prestazione in assoluto rispetto a tutte e 5 le partite fino ad ora disputate, unendo concentrazione, difesa e bel gioco.

italbasket

Nel secondo quarto gli azzurri continuano a condurre la partita senza problemi: il +21 di fine secondo quarto (45-24) rappresenta il maggior vantaggio raggiunto, con Datome e Belinelli migliori in campo, con Melli particolarmente ispirato nel fare assist e con una Turchia che fatica al tiro (10/32).

Il terzo quarto si apre con la Turchia che segna quattro triple in pochissimo tempo: coach Messina chiama minuto ma ciò non serve a fermare l’assalto turco, che riesce a portarsi sul 48-39 grazie ad un break di 15-3. Il ct azzurro chiama poi in campo Filloy e Pascolo, che ricacciano indietro la Turchia costringendola a dover recuperare 17 lunghezze (59-42) a fine terzo quarto. Nell’ultimo quarto l’Italia realizza 16 punti, mentre la Turchia soltanto 9: Datome è scatenato, Hackett marca stretto Dixon senza mai lasciargli troppo spazio e Pascolo realizza un’ottima prestazione.

Coach Messina, che in mattinata aveva tagliato Flaccadori e Fontecchio e che in serata ha deciso di tagliare anche Vitali, si è detto soddisfatto del lavoro della sua nazionale: “I ragazzi hanno fatto un grande lavoro in difesa”. Ha poi aggiunto. “Abbiamo un paio di dubbi, ovvero se portare tre play o una guardia in più, ma ormai ci siamo”.

Ora verranno concessi agli azzurri due giorni di riposo, e poi ci si preparerà per il torneo di Tolosa. In Francia, gli azzurri affronteranno in successione Montenegro (venerdì 18 agosto), Belgio (sabato 19 agosto) e i padroni di casa (domenica 20 agosto).

ITALIA: Hackett (6), Belinelli (14), Aradori (4), Filloy (3), Biligha (3), Vitali (2), Melli (7), Pascolo (6), Cervi (4), Abass (2), Baldi Rossi (3), Burns (2), Datome (17)
Coach: Messina

TURCHIA: Balbay (-), Guler (9), Osman (4), Hersek (-), Gecim (3), Erden (4), Mahmutoglu (-), Muhammed (6), Aldemir (-), Sanli (10), Korkmaz (14), Sipahi (-), Koksal (3)
Coach: Sarica

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.