BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Levante: “Io giudice a X-Factor, sento moltissimo la responsabilità”

Levante sarà sul palco di Radio Onda d'Urto venerdì 11 agosto a Brescia. Davide Vedovelli l'ha intervistata per Bergamonews.

Levante sarà sul palco di Radio Onda d’Urto venerdì 11 agosto a Brescia. Davide Vedovelli l’ha intervistata per Bergamonews.

Partiamo dalla prima volta che ci siamo incontrati, ossia tre anni fa quando è stata ospite al Premio Musica da Bere e ha ricevuto la Targa “Artista Emergente”. In conferenza stampa, nel pomeriggio che precedeva la sua esibizione sul palco, lei era seduta vicino a Manuel Agnelli e poco prima di iniziare mi disse ‘fa un certo effetto essere seduta di fianco ad uno dei miei miti, tanto che fatico a guardarlo negli occhi’. Che effetto fa adesso? Cos’è cambiato a livello artistico e umano da allora?

Fa sempre un certo affetto stare gomito a gomito con chi ha fatto parte della tua adolescenza grazie alla propria musica. Direi che non è cambiata la stima, di certo guardo Manuel con più familiarità e ho imparato ad apprezzarne le sfumature. Artisticamente sono cresciuta molto perché ho sviluppato un approccio alla musica più tecnico, dopo la stesura del testo e la
composizione delle musiche faccio ricerca di suoni e arrangiamenti. Umanamente stringo a me un altissimo livello di gratitudine, ma ho imparato e non farmi vampirizzare dalle persone.

A differenza di altri altri artisti mi sembra lei abbia fatto il percorso classico (e mi permetta credo che sia quello più serio ed onesto) partendo dalla gavetta, dal suonare tanto ed in tanti posti fino ad arrivare ad un successo davvero importante. Mi dà l’idea che lei sia una di quelle persone che “non si accontenta mai e cerca sempre qualche cosa in più”. Quali sono gli stimoli? In che modo valuta ciò che fa? Qual è la cosa su cui sente di dover ancora crescere maggiormente?

Grazie, posso dire con assoluta certezza che il mio percorso è autentico e di questo vado molto fiera. Che non mi accontento mai è vero, raggiunto l’obiettivo spero sempre di arrivare al successivo, con un indice di difficoltà maggiore magari ma il mio desiderio di migliorare è sempre molto forte. Lo stimolo è di certo simile a quello che nella corsa ti spinge a fare il minuto il più, o i chilometri in più nel tempo migliore. Valuto ciò che faccio in base a un criterio fondamentale per me che è quello della VERITA’. Non fingo mai d’essere ciò che non sono… e quindi se tutto ciò che faccio è coerente con la mia persona e mi rende felice allora è la cosa giusta. Credo di dover crescere nell’organizzazione del mio tempo. Un giorno troverò un equilibrio tra il lavoro e la mia vita. Il punto è che queste due cose al momento coincidono.

Si dice, non so poi se sia sempre vero, che ad un certo punto arriva, nella carriera di un artista, il disco della maturità. Ascoltando il suo ultimo lavoro io ho avuto l’impressione che questo disco sia quel tipo disco, che non vuol dire sarà il suo disco più bello, ma si percepisce un lavoro appassionato e curato dal punto di vista dei testi, degli arrangiamenti, della produzione, ecc. Come è nato questo lavoro? quali sono state le collaborazioni più importanti?

Questo lavoro lo amo parecchio. Nel caos delle stanze stupefacenti racchiude tanto della mia vita degli ultimi anni e mi rappresenta molto, nei testi e nei suoni. La scelta migliore che potessi fare per me (come del resto è capitato per la scrittura dei testi e delle musiche) è stato abbattere le mie paure e andare oltre i miei pregiudizi. Ho affidato la produzione a Filippelli con i dovuti riferimenti e lista dei desideri ma, soprattutto, ho presentato i miei brani in pre produzione a Dario Faini con il quale ho lavorato sulle correzioni armoniche e il primissimo approccio all’arrangiamento. E’ stato un viaggio favoloso.

Prestissimo sarà sul palco della Festa di Radio Onda d’Urto, un palco importante e difficile da conquistare. Che effetto fa? Chi l’accompagnerà?

Non è la prima volta che affronto quel palco e sono felice di ritornarci. Fa un bell’effetto. Sono sempre felice di ritornare nei luoghi che mi hanno dato tanto e quel palco lo ha già fatto, due anni fa. Spero di ritrovare ancora un pubblico numeroso e accogliente. Con me ci saranno Alessio Sanfilippo alla batteria, Mattia Bonifacino al basso, Eugenio Odasso alla chitarra e Alessandro Orefice alle tastiere. Io porto me, un paio di chitarre e la mia voce.

Sarà tra i giudici di X Factor e rivestirà un ruolo importante, dovrà valutare e far crescere alcuni artisti che investiranno tantissime energie mentali, fisiche ed emotive in questo contest. Sente questa responsabilità ed in che modo si rapporterà con gli artisti? Ha paura di rimanere intrappolata in questa cosa? (ricordo che De Andrè non volle mai fare TV perché era uno strumento che non conosceva e quindi non sapeva gestire).

Le cose che non si conoscono possono restare a noi sconosciute se non abbiamo la voglia e la curiosità di approfondirle. Credo che De Andrè non fosse proprio interessato al mezzo TV, io
invece non la disdegno. E’ un mezzo potente tramite il quale si possono portare grandi testimonianze e fare cose belle. Quella di X-Factor per me è una grandissima opportunità, sia per la mia musica (perché negarlo?) sia per l’aspetto più produttivo e di direzione artistica che all’interno del programma ha un giudice. La responsabilità nei confronti delle artiste che seguo ovviamente è tanta e la sento moltissimo però so che faremo un bel lavoro.

Mi dice una canzone, un libro ed un film per lei particolarmente importanti?

Disarm – Smashing Pumpkins
L’arte della Gioia – Goliarda Sapienza
E morì con un felafel in mano – Richard Lowenstein

Ad aprire il concerto saranno i Kaufman. Ingresso 8 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.